Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

L’azionario Italia resta indietro

Dopo un mese di conflitto, l’equity tricolore viaggia in territorio negativo inseguendo i mercati mondiali. La situazione energetica rappresenta una minaccia per la ripresa del Pil. L’inflazione, intanto, sale.

Marco Caprotti 24/03/2022 | 11:17
Facebook Twitter LinkedIn

immagine italia

Mentre i mercati azionari mondiali, a un mese dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, sembrano aver assorbito bene l’impatto del conflitto, l’equity italiano arranca.

L’indice Morningstar Italy in un mese (fino al 23 marzo e in euro) ha perso il 6,9%, portando a -10,9% la performance da inizio anno (+25,5% nel 2021).

Il paniere Global markets in quattro settimane ha guadagnato il 5,6%. Da gennaio è sceso del 3,7% (+26,7% l’anno scorso).

Indici Morningstar Italy e Global Markets a confronto dal 2021

Dati in euro
Fonte: Morningstar Direct

Secondo il Global Market Barometer di Morningstar, il mercato azionario italiano a questo punto è sottovalutato del 18% rispetto al fair value (relativamente alle stock coperte dall’analisi Morningstar. Dato in euro, al 22 marzo 2022). 

“L’attuale situazione in Ucraina rappresenta una minaccia per la crescita del Pil”, spiega una nota firmata da Alberto Fadelli e Matteo Fava, rispettivamente Head Chief Investment Office Italy e Investment Officer Italy di Deutsche Bank (DB). “Parlando di fonti energetiche, i recenti avvenimenti riguardanti il conflitto mettono in pericolo l’approvvigionamento ella Penisola”. Secondo i dati IEA (International Energy Agency), l’Europa (nel 2019) dipende dal gas per il 25,66% del totale delle fonti energetiche, mentre l’Italia è più dipendente dal gas naturale, anche per l’assenza del nucleare, con una quota pari al 43,35% nel 2020. Di questo, secondo i dati Eurostat, oltre il 43% proviene dalla Russia.

Un impatto positivo sulla crescita dell’Italia (e dell’Europa più in generale) è atteso dall’attuazione del pacchetto NextGen EU. Per accedere alla prima tranche di risorse, devono essere raggiunti 45 obiettivi, che vanno dalla riforma della pubblica amministrazione al potenziamento del quadro di revisione della spesa e alle regole sugli appalti.

“A condizione che le riforme e gli altri obiettivi siano raggiunti nei termini previsti, il sostegno all’attività economica previsto dal piano ammonterebbe a cinque punti percentuali cumulati di Pil nel quadriennio 2021-2024, con effetti benefici sugli investimenti che potrebbero espandersi in ragione del 5% annuo nel triennio 2022-2024”, dice il report di DB.

Per quanto riguarda il Pil italiano, le stime dell’agenzia di rating creditizio DBRS Morningstar parlano di una crescita del 3,4% nel 2022 (con una limatura dello 0,8% rispetto alle stime elaborate a dicembre) e del +2,1% nel 2023 (+0,1%).

Inflazione
“L’inflazione rimane un problema, visti gli aumenti dei prezzi dell’energia e altre difficoltàlegate alle supply chain”, spiega la nota di Deutsche Bank.

Sul fronte del carovita, l'Istat ha comunicato che nel mese di febbraio 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo (al lordo dei tabacchi) ha registrato un aumento dello 0,9% su base mensile e una crescita del 5,7% su base annua (dal +4,8% del mese precedente), confermando la stima preliminare. L’ulteriore e marcata accelerazione dell’inflazione su base tendenziale è dovuta prevalentemente ai prezzi dei beni energetici (la cui crescita passa da +38,6% di gennaio a +45,9%), in particolare a quelli della componente regolamentata (stabili a +94,6%).

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli altri articoli dedicati all'Italia

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.