Il bilancio delle Borse globali

Nel 2021 i mercati sviluppati hanno fatto meglio di quelli emergenti. Gli Usa comandano la classifica grazie al rally dei tecnologici. Asia e America latina frenano i listini dei paesi in via di sviluppo.

Francesco Lavecchia 16/12/2021 | 09:31
Facebook Twitter LinkedIn

barometro

A trainare le Borse mondiali nel 2021 sono stati ancora una volta i listini Usa. L’indice Morningstar Global Markets ha guadagnato da inizio anno il 23,11% (al 30 novembre 2021, in euro) e il maggior contributo alla sua performance è arrivato proprio dall’azionario a stelle e strisce, che pesa per oltre il 50% della capitalizzazione di mercato dell’indice e che nello stesso periodo è cresciuto di circa il 30%. Le Borse mondiali non erano andate oltre il 6,48% nel 2020, frenate dalle forti perdite accumulate nel primo trimestre sulla scia delle preoccupazioni legate alla diffusione della pandemia, mentre quest’anno stanno capitalizzando i positivi dati sulla ripresa dell’economia mondiale.

Listini Usa davanti a tutti
Guardando ai rendimenti dei listini mondiali nel 2021 possiamo dire che nel complesso i mercati sviluppati hanno fatto meglio di quelli emergenti. Oltre all’exploit di New York, le Borse europee hanno fatto molto bene guadagnando il 16% e il Giappone è salito di quasi il 6%. L’indice Morningstar Emerging Markets, invece, si è fermato al 4% a causa delle debolezze dei listini asiatici e del negativo andamento di quelli dell’America latina.

Partendo dalle Borse dei paesi sviluppati, l’analisi delle performance dell’indice Morningstar US Market ci dice che Wall Street è stata spinta dai tecnologici. Il comparto high-tech pesa per circa un quarto della capitalizzazione di mercato del benchmark e ha contribuito a un terzo del suo rendimento grazie ai forti rialzi messi a segno nel periodo da titoli come Microsoft, Apple, Nvidia e Alphabet. Prezioso anche l’apporto fornito dai finanziari e dai consumer cyclical, che insieme pesano per un altro 25% della market cap dell’indice e che hanno fatto segnare rialzi superiori al 10%.

L’indice Morningstar Europe ha beneficiato del contributo di tutte le regioni che la compongono: l’Eurozona e il Regno Unito, che insieme contano per il 70% della sua capitalizzazione di mercato, hanno realizzato entrambi guadagni attorno al 15%, i paesi fuori dalla zona euro sono saliti di oltre il 20%, mentre quelli emergenti, che pesano per circa il 3%, hanno realizzato quasi il 25%. Finanza, beni industriali e salute, che insieme rappresentano il 45% della capitalizzazione di Borsa dell’indice, sono stati quelli che hanno contribuito maggiormente al risultato della regione grazie ai rialzi di titoli come ASML, Novo Nordisk e Roche. L’Europa emergente è stata trainata dall’ottimo risultato realizzato dalla Borsa russa, che conta per il 65% della market cap dell’indice Morningstar EM Europe e che ha fatto segnare un rialzo più alto del 30% (in euro). Bene anche i listini polacchi (+18%), ungheresi (24%) e greci (+17%), che insieme pesano per circa il 20%, mentre ha deluso la Turchia che ha accusato una perdita superiore al 20%.

Tra gli emergenti deludono Cina e America latina
In Asia, la Borsa di Tokyo (+5,7%) è riuscita a sovraperformare largamente la regione grazie ai forti rialzi delle Big dei settori tecnologia e beni industriali come Sony e Toyata. Sull’indice Morningstar Asia ex-Japan ha invece pesato la debolezza dei listini emergenti che non sono andati oltre il 3% a causa dei passivi realizzati dalla Cina (-13%) e dalla Corea del Sud (-4,5%), mentre India e Taiwan, che insieme contano per il 30% della capitalizzazione di mercato della regione, hanno guadagnato rispettivamente il 36% e il 33%.

Le Borse emergenti si sono posizionate in coda ai mercati azionari globali. La regione è salita appena del 4% da inizio anno perché frenata della debolezza dei listini asiatici e dalla pessima performance di quelli dell’America latina. L’indice Morningstar EM Americas ha ceduto infatti il 10% a causa delle forti perdite accumulate dalla Borsa brasiliana (-18%), che rappresenta il 65% circa della market cap del benchmark e che ha accusato la cattiva intonazione del comparto finanziario (-24%), mentre quella messicana è stata la migliore guadagnando quasi il 13%.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Settimane speciali

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia