La Fed avrebbe già dovuto alzare i tassi

Secondo Althea Spinozzi (BG Saxo) l’inflazione americana potrà stabilizzarsi intorno al 3-3,5%. In un tale contesto, spiega, è importante che gli investitori in bond riducano la duration o che si spostino su titoli azionari ad alto dividendo.

Valerio Baselli 25/11/2021 | 08:57
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Negli Stati Uniti – e non solo – tiene banco la questione inflazione. Il mercato del lavoro è in forte miglioramento, i salari sono saliti in ottobre del 4,9% su base annua, oltre ai prezzi delle commodity esplosi in questi ultimi mesi. Cosa dobbiamo aspettarci sul fronte del carovita Usa nel medio periodo?

Questa pressione inflazionistica che non sembra affievolirsi porterà per forza di cose a un rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve nei prossimi mesi? Con quali tempistiche?

Come si dovrebbero muovere in un momento così delicato gli investitori obbligazionari che guardano agli Stati Uniti e, più in generale, alle emissioni in dollari?

Ne abbiamo parlato con Althea Spinozzi, analista obbligazionario senior di BG Saxo.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy