Il Barometro degli emergenti (Giugno 2021)

Da inizio anno le Borse di Africa e Medio Oriente hanno registrato i guadagni più elevati. I listini asiatici hanno sottoperformato la media, anche se nel 2020 sono stati i migliori tra i paesi in via di sviluppo.  

Francesco Lavecchia 20/07/2021 | 09:29
Facebook Twitter LinkedIn

emergenti

Il 2021 sorride, per ora, agli emergenti del Middle East e dell’Africa. La regione ha chiuso il primo semestre dell’anno con un rendimento (in euro) del 20,37%, oltre 10 punti percentuali rispetto alla media degli emerging markets nel loro complesso (rappresentati dall’indice Morningstar Emerging Mkts).

Figura 1: L'andamento dei mercati emergentiindici emergenti

 

Il barometro delle Borse emergenti indica che le meno performanti nel 2021 sono state quelli della regione asiatica. Il loro rendimento si è fermato al 9,58%, inferiore alla media, ma in questo caso la sottoperformance si può giustificare con il miglior andamento registrato nel 2020. Lo scorso anno, infatti, l’Asia emergente è stata l’unica a chiudere in attivo con un guadagno superiore al 15% e dunque, a differenza di tutte le altre macroregioni, ha pagato il non aveva valutazioni particolarmente basse da risultare attraente per gli investitori. 

I listini dell’Europa emergente sono stati tra i peggiori nel 2020 con un passivo di circa il 20%, anche se da inizio anno stanno sovraperformando la media dei mercati emergenti. Il recupero non è riuscito invece alle Borse dell’America latina che, dopo essere state fanalino di coda lo scorso anno -23.38%) stentano anche nel 2021 a fare meglio dell’indice Morningstar Emerging Mkts.

Le ragioni del successo dei mercati del Medio Oriente
La regione Middle East & Africa deve ringraziare le ottime performance dei mercati dell’Arabia Saudita, del Sud Africa e degli Emirati Arabi Uniti (i cui guadagnato ammontano rispettivamente al 30%, al 14% e al 37%) che complessivamente pesano per oltre l’80% della capitalizzazione di mercato del benchmark. I listini del Sud Africa hanno beneficiato della loro forte esposizione al settore materie prime, circa due volte quella dell’indice Emerging Markets, mentre la buona performance dell’Arabia Saudita è da attribuire in larga parte ai guadagni realizzati dai titoli del comparto finanza, che incide per circa il 40% sulla market cap dell’indice del paese.

I mercati asiatici emergenti sono stati spinti dalle ottime performance di Taiwan e India, che insieme pesano per circa il 30% sulla capitalizzazione di mercato dell’indice Morningstar EM Asia e che da inizio anno (a fine mese di giugno) hanno guadagnato rispettivamente il 24% e il 19%. Chi ha investito sulla regione può recriminare sulla sottoperformance rispetto alla media delle Borse cinesi, che pesano per oltre il 44% e che nel periodo considerato hanno reso solo il 5%.

I listini taiwanesi devono ringraziare il settore tecnologia, che pesa per il 65% della market cap dell’indice del paese e che ha reso oltre il 20%. Il mercato azionario indiano è più equamente distribuito tra materie prime, tecnologia, finanza, energia e beni di consumo ciclici (che rappresentano circa il 70% della capitalizzazione di borsa), anche se il principale contributo alla sua performance è arrivato dai titoli basic materials che hanno guadagnato oltre il 40%. In Cina, invece, dove consumer cyclical e finanza rappresentano il 50% del capitale scambiato sui listini, la performance migliore l’ha realizzata il comparto salute, che invece pesa solo per il 5,6%.

L’Europa emergente è rappresentata per il 55% della sua capitalizzazione di mercato dalla Russia che, nel periodo considerato, è cresciuta di oltre il 22%, ma un prezioso contributo è arrivato anche dalla Polonia, che pesa per il 18%. In entrambi i casi i driver principali delle performance sono stati i rialzi registrati nei settori energia e finanza.

I risultati dei mercati dell'America latina
Il +10,44% registrato dall’indice Morningstar EM Americas è da attribuire ai guadagni realizzati sui listini di Brasile e Messico (rispettivamente pari a +14,29% e +18,56%). La borsa carioca, che pesa per il 64% della capitalizzazione dell’indice, è stata spinta in larga misura dalla buona intonazione del segmento materie prime, che incide per il 21% sulla performance dell’indice Morningstar Brazil, mentre i profitti registrati sui mercati azionari messicani sono più uniformemente distribuiti tra telecomunicazioni, finanza, basic materials e beni di consumo difensivi. Quest’ultimo comparto pesa per circa il 30% sulla capitalizzazione di Borsa complessiva e nel periodo considerato ha reso il 16%.  

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Settimane speciali

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia