L’effetto della pandemia sulla robotica

Anjali Bastianpillai (Pictet) spiega come all’ondata di digitalizzazione di molti settori si sia affiancato anche il rimpatrio produttivo e di fornitura di molte aziende. L’automazione e la robotizzazione interessano diverse industrie, l’importante è distinguere i veri trend dalle mode del momento.

Valerio Baselli 17/05/2021 | 09:32
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti. Sono Valerio Baselli e oggi sono in compagnia di Anjali Bastianpillai, senior product specialist azionario tematico di Pictet Asset Management. Buongiorno Anjali.

Anjali Bastianpillai: Buongiorno.

Baselli: In generale, i fondi tematici sono stati molto popolari ultimamente, con la tecnologia tra i temi più performanti. All’interno del settore tecnologico c’è un trend molto forte, che è quello dell'automazione e della robotica. Come descriverebbe l’investment case per la robotica?

Bastianpillai: Credo che per investire efficacemente nella robotica non bisogna limitarsi all’automazione aziendale e ai robot industriali. È necessario integrare l’intera catena di valore, noi includiamo anche l’intelligenza artificiale, i semiconduttori, fa tutto parte di una filosofia d’investimento. Direi che cloud, semiconduttori, 5G, lo sviluppo di circuiti integrati e software in generale, hanno tutti dimostrato la loro importanza, soprattutto durante la crisi. Siamo positivi sull’automazione industriale e di software e sugli sviluppi nel settore della salute e della logistica.

Baselli: A questo proposito, che ruolo ha avuto la pandemia nello spingere l’innovazione? Avete visto un’accelerazione da questo punto di vista nell'ultimo anno?

Bastianpillai: Credo che la crisi abbia rivelato quanto siano essenziali flesibilità e continuità per ogni azienda. La velocità del cambiamento che abbiamo visto in quello che chiamiamo reassuring on ensuring, cioè riportare la produzione e la catena di fornitura di un prodotto vicino alla sede dell’azienda. Abbiamo anche visto la digitalizzazione di molti servizi, con un miglioramento in termini di produttività, costi e flessibilità, vedi il lavoro da casa. E poi lo sviluppo della tecnologia dei semiconduttori, incluso l’hardware, tramite 5G o altre trasformazioni, ha giocato un ruolo chiave. E infine lo sviluppo dei veicoli elettrici, spinto anche dal programma Biden, l’industria dell’auto si sta espandendo in questo senso ed è molto visibile.

Baselli: Quali sono le maggiori tendenze, le migliori idee d’investimento, che vedete attualmente nel mercato della robotica?

Bastianpillai: La più ovvia è quella nel settore della salute. Ogni innovazione o digitalizzazione nel mondo sanitario ha creato ottime opportunità per noi. Il miglioramento delle diagnosi o dei trattamenti, o anche il fatto che gli ospedali abbiano dovuto affrontare il Covid, la robotica ha aiutato nell’affrontare questa crisi. Un altro è sicuramente l’innovazione che abbiamo visto in termini di intelligenza artificiale, il che poi ha delle conseguenze pratiche, come sugli sviluppi dei semiconduttori, di cui abbiamo approfittato nel fondo.

Baselli: Come abbiamo detto, l'interesse degli investitori per i fondi tematici è cresciuto molto. Comprare un fondo tematico significa fondamentalmente scommettere su un tema vincente, cosa non scontata. Quali sono i principali rischi associati alla robotica secondo lei?

Credo che il rischio sia seguire i trend, senza guardare alla sostenibilità dei business model e della crescita di una società sul lungo periodo. E soprattutto capire cosa può davvero cambiare, innovare il tema della robotica. Perciò inseguire azioni che hanno guadagnato troppo e troppo velocemente non è una buona idea, e lo abbiamo visto anche in questa settimana. I fondamentali sono solidi, i risultati trimestrali delle aziende tech pure, eppure il mercato reagisce nella direzione opposta. È quindi importante guardare a titoli di alta qualità, sottovalutati, ciclici, così come anche alcuni dei grossi titoli di tipo growth, ma senza inseguire i multipli e stando attenti alle valutazioni.

Baselli: Grazie ancora Anjali. Per Morningstar, Valerio Baselli, grazie dell’attenzione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.