Pan-European Morningstar Awards for Investing Excellence 2020: i candidati a miglior gestore

Un riconoscimento al manager che si è distinto di più per risultati, capacità di investimento, allineamento degli interessi con quelli degli investitori e coraggio nel differenziarsi dal consensus. In lizza ci sono Laurent Dobler di Comgest, Philippe Igigabel di HSBC e Robin Parbrook di Schroders.

Mathieu Caquineau, CFA 28/10/2020 | 09:32
Facebook Twitter LinkedIn

Pan-European Morningstar Awards for Investing Excellence 2020

Sono state fatte le nomination per i tre Pan-European Morningstar Awards for Investing Excellence 2020.

Le categorie sono: Outstanding Portfolio Manager (Miglior gestore), Rising Talent (Talento emergente) e Outstanding Investment House (Miglior casa di gestione). I vincitori di questi premi sono nominati e selezionati dal team di manager research di Morningstar e saranno annunciati a fine novembre sui siti web Morningstar in Europa.

Outstanding portfolio manager
Gli analisti Morningstar hanno nominato tre candidati in diverse classi di attività per il premio Outstanding Portfolio Manager. Per ottenere questo premio, i candidati devono attualmente guidare una strategia di investimento con un Morningstar Analyst Rating di Silver o Gold in almeno una classe di azioni.

Oltre a fornire eccezionali risultati di investimento a lungo termine, questi tre candidati hanno dimostrato ottime capacità di investimento, l’allineamento dei loro interessi con quelli degli investitori e il coraggio di differenziarsi dal consensus di mercato.

Data la natura aperta del mercato europeo, i gestori di fondi con sede in tutte le regioni del mondo sono stati presi in considerazione, a condizione che i fondi gestiti fossero disponibili per la vendita in almeno due paesi europei.

Di seguito evidenziamo le caratteristiche di ogni candidato alla finale in maniera più dettagliata.

Laurent Dobler (Renaissance Europe / Comgest Growth Europe)
Laurent Dobler è entrato a far parte della boutique Comgest con sede a Parigi nel 1991. È un investitore e analista di talento che ha contribuito a plasmare l'approccio robusto e disciplinato di Comgest verso i titoli growth negli ultimi tre decenni. I fondi sono gestiti collettivamente in Comgest, ma Dobler ha il mandato più lungo nel team azionario europeo. Gestisce il fondo Renaissance Europe domiciliato in Francia dal 1993 (non disponibile in Italia) e la sua versione domiciliata in Irlanda, Comgest Growth Europe, sin dal lancio avvenuto nel 2000. Ha contribuito in maniera fondamentale agli straordinari risultati a lungo termine della strategia, sia in termini assoluti che aggiustati per il rischio. Comgest Growth Europe e Renaissance Europe hanno ottenuto rating alti sia per le sezione Persone che per quella Processo. Le valutazioni degli analisti Morningstar variano da Gold a Silver a seconda del livello di commissione delle diverse share class.

Oltre alle sue capacità analitiche e di gestione del portafoglio di cui hanno beneficiato gli investitori, Dobler è stato anche coinvolto nel reclutamento, nella formazione e nel coaching della prossima generazione di gestori di portafoglio di Comgest. Investe una parte significativa del suo portafoglio nella strategia, a riprova del suo incrollabile impegno ad agire con grande responsabilità nei confronti del capitale degli investitori.

Philippe Igigabel (HSBC GIF Euro High Yield Bond)
Philippe Igigabel ha circa 20 anni di esperienza negli investimenti. Ha iniziato la sua carriera di gestore di portafoglio come co-manager di HSBC GIF Euro High Yield Bond nel 2000, prima di diventarne il leader nel 2003. Avendo coperto il settore high-yield europeo sin dalla fine degli anni '90, è uno dei gestori di portafoglio più esperti che seguiamo in questo segmento. HSBC GIF Euro High Yield ha un Morningstar Analyst Rating di Gold nella share class IC.

Durante il suo mandato, Igigabel non si è mai spostato da suo approccio high conviction e guidato dalle valutazioni. Ad esempio, non ha esitato a ridurre gradualmente il rischio in periodi che riteneva caratterizzati da eccessi di mercato. Al contrario, ha sistematicamente approfittato dei cali delle valutazioni per acquistare nomi che riteneva avessero fondamentali solidi. La selettività di Igigabel è anche un segno distintivo del suo approccio. Solitamente solo il 10-30% delle obbligazioni ad alto rendimento emesse ogni anno soddisfano i suoi rigorosi criteri di qualità e sono considerate di buon valore.

Grazie a questo processo disciplinato, il fondo ha avuto un track record eccezionale, sia su base assoluta che corretta per il rischio. Ha anche in gran parte evitato emittenti che poi sono andati in default, a testimonianza della qualità della selezione dei titoli sottostanti e dell'analisi fondamentale svolta dall’esperto team di analisti europei del credito di HSBC GAM.

Robin Parbrook (Schroder ISF Asian Total Return)
Basato a Londra, Robin Parbrook ha diretto Schroder ISF Asian Total Return, insieme a King Fuei Lee, fin dal lancio nel novembre 2007. Parbrook è un investitore di prim’ordine che ha dedicato a Schroders tutta la sua trentennale carriera. Ci ha costantemente impressionato per la sua forte passione per gli investimenti e una conoscenza approfondita del portafoglio e per le sue capacità di selezione dei titoli nei mercati asiatici.

Durante la sua carriera, Parbrook ha applicato un approccio rigoroso, ben codificato e agnostico rispetto ai benchmark. Come per molti gestori di Schroders, il suo obiettivo è quello di trovare titoli con una buona capacità di resistere ai ribassi, che siano in grado di generare rendimenti più elevati rispetto al capitale investito, al loro costo medio ponderato del capitale.

Pochi hanno lavorato così bene come Parbrook nel corso della loro carriera. Schroder ISF Asian Total Return ha battuto l'indice MSCI AC Asia Pacific ex Japan e, fin dal lancio, si è classificato nel primo percentile tra i concorrenti della categoria Morningstar Azionario Asia-Pacifico ex Giappone (dati a a settembre 2020). Inoltre, Parbrook ha ottenuto rendimenti eccezionali durante il suo mandato in Schroder ISF Asian Opportunities, durato da ottobre 2010 a dicembre 2017.

L’articolo è stato realizzato in collaborazione con Andrew Daniels and Mara Dobrescu.

 

La metodologia completa del premio è disponibile qui. Morningstar ha assegnato un premio annuale ai migliori gestori sin dal 1988. Per maggiori informazioni sui Morningstar Awards visita il sito dedicato.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Visita il nostro sito dedicato ai servizi e alle soluzioni di ricerca e selezione fondi.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Mathieu Caquineau, CFA

Mathieu Caquineau, CFA  Senior Fund Analyst, Morningstar France