Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

L’azionario Usa rallenta un po’

L’asset, tuttavia, resta sopravvalutato del 3% rispetto al rapporto price/fair value. La Fed, intanto, ha creato le condizioni per non toccare i tassi ancora per lungo tempo.

Marco Caprotti 17/09/2020 | 10:51
Facebook Twitter LinkedIn

Usa picture

L’azionario Usa ha perso un po’ dell’esuberanza che lo aveva caratterizzato durante l’estate? L’osservazione degli indici dice che Wall Street si è calmata un po’, rispetto anche all’andamento dei dei mercati globali. Il paniere Morningstar Usa in un mese (fino al 16 settembre e calcolato in euro) ha guadagnato lo 0,58% portando a 0,6% la performance da inizio anno (+32,87% nel 2019). In quattro settimane, intanto, il basket Global Markets ha guadagnato l’1,15% (+2,94% da gennaio; +28,56% l’anno scorso).

Indici Morningstar Global Markets e Usa a confronto da inizio anno
azionario usa
Dati in euro aggiornati al 16 settembre 2020
Fonte: Morningstar Direct

In questo quadro, secondo il Morningstar Global Market Barometer l’azionario americano è però sopravvalutato del 3% rispetto al rapporto price/fair value (relativamente alle stock coperte dall’analisi Morningstar. Dato in dollari aggiornato al 15 settembre 2020).  

I radar sulla Fed
L’evento atteso dagli operatori per conoscere lo stato di salute dell’economia americana è stato la riunione di settembre del Federal open market committee (Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve). La Banca centrale Usa ha deciso di non toccare i tassi di interesse che restano così nella forchetta compresa fra 0% e 0,25%. “La decisione non è stata una sorpresa”, spiega Eric Compton, Senior equity analyst di Morningstar. “Va notato, invece, il tono delle dichiarazioni della Fed con cui ha fatto chiaramente intendere che i tassi di interesse resteranno a questo livello per lungo tempo”.

Il Fomc ha precisato che i tassi resteranno a zero fino a quando le condizioni del mercato del lavoro non avranno raggiunto il livello che la Fed considera di “massima occupazione” e fino a quando l’inflazione non avrà raggiunto il livello del 2% dimostrando di poter tenere quel livello per qualche tempo. “Questo lascia spazio alla Banca centrale per tenere i tassi bassi ancora per qualche tempo”, dice l’analista. “Anche la definizione di ‘massima occupazione’ è ampia abbastanza per permettere alla Fed di non toccare il costo del denaro”.

La buona notizia arrivata dal meeting è che le ultime proiezioni economiche indicano un andamento che ha sorpreso positivamente il Fomc, con un Pil (Prodotto interno lordo) che cala più lentamente delle attese e dati sull’impiego migliori di quelli preventivati dopo la riunione di giugno.

Le previsioni di Morningstar dicono che il Prodotto interno lordo Usa calerà del 5,1% nel 2020, per poi risalire nel 2021 e continuare la crescita nel corso degli anni seguenti.

 

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi altre le analisi sugli Usa

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.