Dove si nasconde la cedola

Diverse società hanno tagliato i dividendi quest’anno, il che ha preoccupato gli investitori attenti all’income. Ma Dan Lefkovitz di Morningstar afferma che ci sono ancora molte opzioni disponibili là fuori.

Holly Black 03/09/2020 | 10:11
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Holly Black: Benvenuti. Sono Holly Black. Qui con me c’è Dan Lefkovitz, strategist di Morningstar. Buongiorno.

Dan Lefkovitz: Buongiorno, Holly.

Black: I dividendi hanno occupato i pensieri di molti investitori quest’anno, soprattutto perché continuano a essere tagliati. Ma tu Dan hai fatto qualche ricerca e sostieni che non è un brutto momento per essere un investitore “income”, dopotutto.

Lefkovitz: Sai, Holly, è stato innegabilmente un anno difficile per gli investitori azionari orientitati ai dividendi di tutto il mondo. Abbiamo visto alcuni grandi nomi tagliare i loro dividendi. La Royal Dutch Shell ha abbassato il pagamento dei dividendi per la prima volta dalla seconda guerra mondiale. In Australia, tre delle quattro grandi banche hanno tagliato i dividendi; lo stesso vale per alcune blue chip nel mercato statunitense come Disney e Boeing. Ma allo stesso tempo molte aziende li hanno mantenuti, e questo non fa notizia. Le cattive notizie sono sempre una storia migliore delle buone notizie.

Se guardiamo ai mercati azionari a livello globale, vediamo molti stacchi di cedole agli azionisti, spesso sostenibili e anche in aumento. La contrazione è stata avvertita in modo più acuto nei settori più esposti alle chiusure legate alla pandemia e ai rallentamenti economici, quindi viaggi e tempo libero, compagnie aeree, beni di consumo discrezionali, petrolio, gas e materiali di base sono stati duramente colpiti dai tagli dei dividendi. Nel mercato statunitense, le small cap hanno particolarmente sofferto.

Black: Tu gestisci gli indici Morningstar che scelgono specificamente le società che stanno ancora aumentando i loro dividendi. Quindi se tagliano, sono fuori. Occorre dunque essere pienamente consapevole di quali aree sono più resilienti. Quali settori stanno reggendo meglio quest’anno?

Lefkovitz: Quando abbiamo ribilanciato l’indice a giugno, ci sono stati effettivamente alcuni titoli che hanno dovuto essere rimossi da questi indici perché le società hanno indicato sospensioni dei dividendi, principalmente nelle aree che ho citato. Ma non è stato un grande sconvolgimento. Il turnover non è stato eccessivo e ci sono sicuramente molte aree in cui stiamo riscontrando buoni risultati.

Indicherei i beni di consumo di base anziché i beni di consumo discrezionali, quindi nomi più difensivi come Procter & Gamble e Costco, Nestlé e Danone e Kao in Giappone. Salute e tecnologia non sono due aree note per essere ricche di dividendi, ma tra i Big Pharma vediamo alcuni buoni dividendi, come Bristol Myers, Sanofi, Novartis, e tra i tecnologici troviamo Microsoft e Cisco, ASML, SAP, Taiwan Semi. Nel comparto beni industriali ci sono 3M e ABB. E poi i finanziari, un'area in cui abbiamo assistito a numerosi tagli ai dividendi, molti dei quali imposti dalle autorità di regolamentazione come condizione di aiuto. I nostri indici sui dividendi sembrano favorire le banche canadesi, JPMorgan, le società di carte di credito come Visa e Mastercard. Tutte queste società che sto citando sono quelle che gli analisti azionari di Morningstar ritengono abbiano l’Economic moat e vantaggi competitivi sostenibili che dovrebbero consentire loro di giustificare la redditività e i dividendi.

Black: In effetti quando lo dici in questo modo ed elenchi tutte quelle società, non suona poi così male. Quindi, per tutti gli investitori che sono ancora in preda al panico per i tagli ai dividendi, quali consigli daresti loro?

Lefkovitz: Ebbene, io sarei diffidente nei confronti dei titoli con i più alti dividendi sul mercato. Quelle sono spesso aziende in difficoltà finanziarie, in molti casi rappresentano “trappole dei dividendi”. La cedola potrebbe non essere sostenibile e potresti finire per sacrificare il rendimento totale a lungo termine a scapito del reddito a breve termine. E poi, diciamo agli investitori di non rimanere troppo legati alla storia dei dividendi. Come ci ha mostrato Shell quest’anno, un track record di decenni può comunque portarti a una situazione senza stacchi di cedole. Cerchiamo invece fattori che riteniamo predittivi della sostenibilità dei dividendi e della loro crescita in futuro. La crescita dei dividendi può essere il segno di fondamentali aziendali sani e in miglioramento.

Black: Esatto, non importa se una società ha pagato un dividendo per 50 anni; non è successo quest'anno, quindi bisogna trovarne una che lo faccia. E tu hai scoperto che ce ne sono molte che lo fanno, in realtà.

Lefkovitz: Giusto.

Black: Dan, grazie mille. Per Morningstar, Holly Black, grazie per l’attenzione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Holly Black

Holly Black  is Senior Editor, Morningstar.co.uk