Giappone, nessuna rivoluzione in vista per il dopo Abe

Il ministro più longevo della storia nipponica lascia un’eredità importante in un momento estremamente delicato. Sostituirlo non sarà facile, ma gli osservatori scommettono sulla continuità. Intanto, la Borsa di Tokyo viaggia a sconto.

Valerio Baselli 02/09/2020 | 08:45

Lo scorso 28 agosto il premier giapponese Shinzo Abe ha annunciato le dimissioni da primo ministro per motivi - già noti - di salute (si era infatti già dimesso da primo ministro nel 2007, sempre a causa di una colite ulcerosa). Il Parlamento giapponese terrà una sessione straordinaria il 17 settembre per eleggere il suo successore. Tre giorni prima di questo appuntamento verrà nominato il presidente del partito Liberal-democratico, che potrà diventare primo ministro col voto della maggioranza parlamentare. Abe, dal canto suo, ha deciso di restare in carica fino a quel momento.

Un bilancio difficile
“Nonostante gli importanti movimenti infragiornalieri visti sul mercato, le dimissioni di Abe non dovrebbero rappresentare uno shock, le voci sulla sua salute e su possibili dimissioni circolavano da tempo”, commenta in una nota Dan Carter, gestore azioniario Giappone di Jupiter Asset Management. “Tuttavia, la tempistica – nel bel mezzo di una pandemia globale e delle turbolenze economiche che ne derivano, e con un’elezione negli Stati Uniti nel prossimo futuro – è infelice. L’attuale incertezza politica interna è probabilmente l’impatto più significativo dell’annuncio. Fortunatamente, Abe ha da tempo cessato di essere il totem della rinascita economica e di mercato giapponese, quindi le sue dimissioni sono molto meno preoccupanti di quanto sarebbe stato cinque anni fa”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies