Immuno-oncologia e vantaggio competitivo delle aziende pharma

I medicinali sviluppati in questo particolare segmento delle cure contro il cancro, dicono gli analisti di Morningstar, sono quelli più promettenti per guidare le vendite delle società che studiano sistemi per combattere i tumori.

Marco Caprotti 09/06/2020 | 11:13

Se è vero che il campo delle cure oncologiche è uno dei più interessanti da osservare per chi investe nel settore Salute (in particolare nel biotech), il segmento cosiddetto immuno-oncologico secondo gli analisti di Morningstar è quello più promettente quando si parla di capacità di creare Economic moat (vantaggio competitivo) per le aziende che se ne occupano.

La differenza fra le terapie oncologiche tradizionali e quelle immuno-oncologiche è che le prime cercano di distruggere direttamente il tumore, mentre le seconde mirano a rendere il sistema immunitario capace di riconoscere e attaccare  in modo selettivo le  cellule cancerogene. L’obiettivo è quello di produrre una  memoria di lunga durata nel sistema immunitario, in modo da permettergli di adattarsi continuamente al tumore nel  tempo, fornendo una risposta costante e a lungo termine. 

“I dati clinici illustrati durante l’ultimo incontro annuale della American Society of Clinical Oncology (che si è tenuto in maniera virtuale a fine aprile, Ndr) hanno fornito ulteriore supporto riguardo agli sviluppi delle terapie immuno-oncologiche per la cura di diverse forme tumorali”, spiega Damien Conover, Director della ricerca di Morningstar. “I risultati, dal punto di vista degli investitori, rinforzano il vantaggio competitivo delle aziende che lavorano in questo particolare segmento terapeutico. Un elemento importante da considerare è che i principali farmaci immuno-oncologici mostrano risultati diversi a seconda del tipo di cancro. Il fatto che ogni trattamento sia specifico per un determinato tumore, dà alle aziende un forte potere in termini di prezzo del medicinale”. 

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Vai nella sezione Azioni per altre analisi sull'equity

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies