Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Le occasioni tra gli industriali europei

Le vendite seguite allo scoppio della pandemia hanno reso nuovamente convenienti le valutazioni di mercato di titoli di qualità come ABB e Schneider Electric.  

Francesco Lavecchia 14/04/2020 | 09:08
Facebook Twitter LinkedIn

Gli analisti hanno tagliato il fair value di ABB da 25 a 21 franchi svizzeri in seguito alla valutazione dell’impatto del COVID-19 sui conti del gruppo industriale elvetico, ma il titolo continua a essere scambiato a un tasso di sconto di oltre il 15% (report aggiornato al 19 marzo 2020).

ABB, restano invariate le stime di lungo periodo
“La revisione del valore dell’azienda è conseguenza della riduzione delle stime di breve termine del fatturato, ma siamo convinti che ABB abbia un eccellente portafoglio di prodotti per l'automazione industriale e una posizione di leader nella robotica. Inoltre, la pandemia potrebbe giocare a favore dell’azienda in quanto ha dimostrato i vantaggi dei software per la gestione degli impianti da remoto e dell’automazione”, dice Denise Molina analista azionaria di Morningstar.

“Le nostre stime indicano ora un calo dei ricavi del 5% nel 2020, una crescita del 9% nel 2021 e una contrazione del margine EBIT di 210 punti base nel 2020”. ABB è la seconda azienda al mondo nella robotica e la numero uno in Cina. Questo segmento genera da solo il 9% del suo giro d’affari e, insieme a quello dell’industria dell’automazione, rappresenta il 60% circa del fatturato. Gli analisti di Morningstar riconoscono ad ABB un Economic Moat elevato per via del forte potere contrattuale che l’azienda riesce a esercitare sui clienti. In tutti i segmenti in cui è attivo, infatti, il gruppo svizzero offre prodotti fortemente integrati con i processi produttivi delle aziende cliente e questo le permette di ricavare mark-up elevati sui prezzi di vendita.

Schneider Electric torna ad essere scambiata a sconto 
Dall’inizio della pandemia il titolo Schneider Electric ha ceduto circa il 20% della sua capitalizzazione e ora è tornato a essere scambiato a sconto rispetto al fair value dopo che i guadagni registrati nel 2019 (+60%) avevano fatto salire il rapporto P/FV a 1,12.

“Abbiamo ridotto la nostra valutazione sul titolo della società francese da 100 a 90 euro per tenere conto degli effetti di breve termine della pandemia sul fatturato del gruppo, ma siamo convinti che l'azienda abbia un eccellente portafoglio di prodotti per la gestione industriale e l'automazione e una forte posizione di vantaggio competitivo. Le nostre previsioni indicano ora una crescita dell’1% e del 3% rispettivamente nel 2020 e nel 2021 (in precedenza era pari al 5% e al 2,6%), mentre nel medio termine confermiamo un progresso delle vendite del 4%”, dice Molina (report aggiornato al 19 marzo 2020).

Schneider Electric gode di una posizione di vantaggio competitivo all’interno del settore per effetto degli elevati costi di switch a carico dei suoi clienti. L’azienda francese si occupa della distribuzione di energia elettrica e offre alle imprese (attive nel settore industriale, real estate, infrastrutture, utility) soluzioni per la sicurezza, per il miglioramento dell’efficienza energetica e anche servizi per l’automatizzazione del controllo dei consumi. Le aziende che cercano di diventare più produttive ed efficienti spesso cercano di eliminare i processi manuali e questo gioca a favore di Schneider Electric. Inoltre, il legame tra fornitore e cliente, in questo caso, è molto stretto e cambiare fornitore dopo l'implementazione iniziale diventa costoso. L’azienda francese, quindi, può fare affidamento su contratti di lunga durata e questo le garantisce un maggior potere contrattuale e margini di profitto più elevati.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Azioni Analisi e Strategie

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia