Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Software, i titoli in grado di resistere alla recessione

Microsoft e Salesforce hanno business di qualità, bilanci solidi e hanno già dimostrato in passato di saper navigare nelle acque agitate di una crisi economica. Inoltre, dicono gli analisti di Morningstar, sono scambiati a prezzi vantaggiosi.

Francesco Lavecchia 07/04/2020 | 15:29
Facebook Twitter LinkedIn

Nonostante Microsoft (MSFT) dal punto di vista dei conti sia tra le aziende più esposte al Coronavirus (a causa dei molti fornitori cinesi di componentistica che nei mesi scorsi sono stati costretti alla chiusura), nell’ultimo mese il titolo (+2,29% in dollari) ha sovraperformato il mercato americano (-11,50% del Morningstar US Market) e resta comunque scambiato a un tasso di sconto del 10% rispetto al fair value di 185 dollari (aggiornato al 9 marzo 2020).

Bilancio a prova di recessione
“Microsoft è a nostro avviso una delle migliori occasioni di investimento all’interno del settore tecnologia. Il gruppo statunitense riesce a macinare tassi di crescita eccezionale per un'azienda delle sue dimensioni e genera margini di profitto molto elevati. Lo scorso anno si è chiuso con margine operativo del 34% e il suo comportamento durante l’ultima crisi finanziaria ci lascia fiduciosi sulla sua capacità di superare una potenziale recessione correlata a COVID-19”, dice Romanoff. “Inoltre, il bilancio di Microsoft garantisce un ottimo cuscinetto nel caso in cui la pandemia dovesse aggravarsi. La società ha una liquidità di oltre 134 miliardi di dollari, a fronte di meno di 70 miliardi di dollari di debiti, e questo dovrebbe favorirla nell’accesso al credito nel caso di un drastico peggioramento della congiuntura.

Salesforce.com scontata del 25% rispetto al fair value
Salesforce.com ha ceduto il 10% della sua capitalizzazione di mercato nell’ultimo mese e ora è scambiata a un tasso di sconto di circa il 25% rispetto al fair value di 202 dollari (aggiornato al 9 marzo 2020).

L’azienda americana ha dimostrato in passato grandi capacità nel superare gravi crisi economiche come quella attesa nei prossimi mesi. A fine esercizio 2009, infatti, tagliava il traguardo di un miliardo di dollari di fatturato grazie a una crescita dei ricavi del 44% rispetto all’anno precedente. A più di dieci anni da allora, dicono gli analisti di Morningstar, non ci si può aspettare lo stesso risultato, anche perché le dimensioni del gruppo sono aumentate e i tassi di crescita si sono ridotti, ma Salesforce.com ha tutte le armi per continuare a fare bene.

“Il suo ampio portafoglio di soluzioni gli permette di interfacciarsi con realtà di diversi settori. Inoltre è stata tra le prime aziende del settore a concepire, e dunque a produrre e a vendere, i software come singoli servizi da ritagliare sulle esigenze del cliente in modo da rendere più accessibili i costi per questi ultimi”, dice Dan Romanoff, analista azionario di Morningstar. “La bassa volatilità delle sue vendite, l’elevata percentuale di ricavi ricorrenti e il costante miglioramento dei margini di profitto dimostrano la qualità del suo business a cui riconosciamo un Moat nella misura di Ampio. La qualità dei suoi prodotti e la forte integrazione dei software nei sistemi di gestione delle aziende cliente, infatti, gli garantiscono un forte potere contrattuale nei confronti di queste ultime che si traduce in margini di profitto superiori alla media”.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Azioni Analisi e Strategie

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia