Petrolio, Morningstar conferma le stime di lungo periodo

Per il 2020 è atteso un calo del 2,8% della produzione. Ma in futuro il mercato tornerà in equilibrio con un prezzo del barile di 55 dollari.

Francesco Lavecchia 07/04/2020 | 11:08

Il settore energetico è stato il vero protagonista in negativo del primo trimestre del 2020. Nei primi tre mesi dell’anno l’indice Morningstar US Energy ha ceduto il 49% (in USD), sottoperformando il mercato americano che è sceso del 19%, a causa delle aspettative di una riduzione della domanda di greggio in seguito allo scoppio del Coronavirus e del mancato accordo dei paesi dell’OPEC+ sui tagli alla produzione di petrolio, con successivo incremento dell’output da parte di Russia e Arabia Saudita.

Nel breve termine gli investitori hanno tutte le ragioni per essere preoccupati. Prevediamo per il 2020 una riduzione di 2,8 milioni di barili al giorno (pari al 2,8% del totale) sul lato della domanda: la peggior contrazione su base annua degli ultimi 40 anni. Dato che i produttori di greggio non sono in grado di adeguare istantaneamente la loro produzione alla variazione delle richieste, è probabile che nel 2020 vi sia sul mercato un eccesso di offerta nell’ordine di 3,3 milioni di barili al giorno. Un dato comunque migliore rispetto a quello osservato durante la recessione del 2014-16.

Le previsioni di lungo termine
Nel lungo termine, tuttavia, riteniamo che la domanda di petrolio non sarà influenzata dal Coronavirus. Ipotizziamo, infatti, una ripresa economica pressoché completa e manteniamo le nostre stime del barile rispettivamente pari a 55 dollari per il WTI e a 60 dollari per il Brent. Vediamo inoltre enormi opportunità nel settore energia (ora scambiato a un tasso di sconto del 49% rispetto al fair value medio) nonostante il calo dei ricavi previsto nel 2020 e nel 2021.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Azioni Analisi e Strategie

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies