Le banche italiane sono pronte a sposarsi?

La Bce spinge perché gli istituti della regione si aggreghino. Alcuni gruppi italiani di medie dimensioni hanno già iniziato a guardarsi intorno. Unicredit e Intesa, dicono gli analisti di Morningstar, per il momento staranno ferme. Mediobanca potrebbe crescere nel wealth management.

Marco Caprotti 11/02/2020 | 12:39

Fusioni bancarie in arrivo? Qualcosa in Europa si muove e potrebbe portare una ondata di consolidamenti che avrebbe l’effetto di ridisegnare il settore in Italia. Ad aprire la porta a un’opzione del genere è stato nelle settimane scorse Andrea Enria, presidente del consiglio di sorveglianza della Banca centrale europea che, parlando in una riunione congiunta con la Federazione bancaria europea, si è impegnato a rimuovere alcuni ostacoli alle fusioni bancarie transnazionali nella zona euro.

La Banca centrale europea ha chiesto a lungo azioni di consolidamento in un settore che fatica a guadagnare a causa dei bassi tassi di interesse e degli alti costi delle reti di filiali. “Sebbene si tratti di opinioni preliminari”, ha detto, “spero siano convincenti riguardo al fatto che la vigilanza bancaria della Bce è seriamente impegnata nella promozione di un settore bancario europeo integrato”.

L’Italia si muove
I matrimoni potrebbero fare piacere al settore bancario italiano. “Con circa un quarto dei crediti deteriorati dell'Eurozona iscritti nei bilanci degli istituti italiani, le banche del paese hanno molto da fare”, spiega Paul Smillie, analista senior degli investimenti nel reddito fisso di Columbia Threadneedle Investments.  “Secondo le nostre stime, le banche del Belpaese hanno bisogno di un'iniezione di capitale compresa tra i 30 e i 40 miliardi di euro, pari a circa il 2% del Pil. Un consolidamento transfrontaliero del sistema bancario sarebbe d'aiuto. Le casse di risparmio francesi, ad esempio, siedono su circa 30 miliardi di euro di capitale in eccesso.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Nella sezione Azioni trovi altre analisi sull’equity.

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Banca Monte dei Paschi di Siena1,83 EUR-3,33
Banco BPM SpA1,97 EUR-4,38
BPER Banca SpA3,65 EUR-3,41
Intesa Sanpaolo2,20 EUR-3,93
UniCredit SpA11,43 EUR-4,77
Unione di Banche Italiane SpA3,66 EUR-4,19

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar