Coronavirus, meglio evitare i fondi Asia?

La regione ha inseguito i mercati globali l’anno scorso. L’epidemia, dicono gli operatori, sta creando un ulteriore divario nelle valutazioni che si colmerà a emergenza finita. Ma, aggiungono, è sempre meglio seguire l’evolvere della situazione. 

Marco Caprotti 05/02/2020 | 15:03

 

Bisogna scappare dagli asset cinesi e da quelli asiatici più in generale? Di sicuro gli investitori, mentre si susseguono notizie sempre più allarmanti sull’epidemia di coronavirus partita dalla città di Wuhan, con gli ordini di sell dimostrano una certa avversione per l’equity del paese e della regione.

 

L’indice Morningstar China, lunedì 3 febbraio, il primo giorno di apertura della Borsa cinese dopo le festività del Capodanno locale (un fermo protratto più a lungo proprio a causa dell’esplosione dell’emergenza sanitaria), in una seduta ha perso il 2,37% (in euro. +24,85% nel 2019).

 

Indice Morningstar China
Cina index

 

Dati in euro aggiornati al 3 febbraio 2020
Fonte: Morningstar Direct

 

L’inizio dell’anno (seppure con più giorni i trading a disposizione) non è andato meglio per gli altri panieri della regione che, come nel 2019, restano sottovalutati rispetto all’indice Global market (vedi tabella sotto).

 

Indici China, Asia e Asean a confronto con Global market da inizio anno e nel 2019
panieri a confronto

 

Mercati ed epidemie
Ma quale effetto hanno le epidemie sui mercati? Un modo per scoprirlo è guardare come hanno reagito le Borse (ad esempio il paniere Morningstar Global market) dopo le pandemie maggiori che si sono verificate nel recente passato (vedi tabella e grafico sotto).

 

Reazione dei mercati durante le epidemie
epidemie

 

“Come si vede, gli operatori tendono a reagire quando si verificano questi eventi imprevedibili, ma i mercati dopo circa sei mesi si riprendono”, spiega Carolyn Szaflik, portfolio specialist di Morningstar Investment Management. “Questo suggerisce come sia il sentiment a guidare le perdite all’inizio, mentre gli impatti dal punto di vista economico siano meno pronunciati di quanto non credano gli investitori”.

 

Questo significa che non bisogna preoccuparsi? “La nostra risposta è che in questo momento l’epidemia prenderà lo stesso percorso seguito da eventi simili e quindi non c’è motivo per essere particolarmente allarmati”, dice Szaflik. “Significa procedere prendendo in considerazione quello che potrebbe essere lo scenario avendo presente, però, che potrebbe sempre cambiare”.

 

Ci sono settori e titoli (ad esempio viaggi e turismo) che possono essere condizionati, almeno nel breve, dagli effetti dell’epidemia. “In generale, se le condizioni dovessero mutare, dovremmo essere pronti a cambiare la nostra strategia”, dice Szaflik. “Se a causa dell'epidemia ci fossero dei significativi impatti sui fondamentali degli investimenti in portafoglio dovremmo studiare attentamente la situazione, fare rigorose analisi di scenario e tenere conto delle nuove informazioni per fare nuove scelte". 

 

Asia a sconto
Ma quali sono gli effetti economici che potrà avere il coronavirus? “L'epidemia avrà un impatto negativo in Cina, pari al 20%, sulla crescita del Pil nel primo trimestre dell’anno”, dice Soo Nam Ng, Responsabile azionario asiatico di Columbia Threadneedle Investments. “Riteniamo che l'attuale epidemia possa rappresentare un'altra opportunità per gli investitori di acquistare in Asia, supponendo che la situazione alla fine si normalizzerà.  Pertanto, anticipiamo un moderato rialzo dei mercati della regione. Riteniamo che nell'ultimo biennio il contesto commerciale complicato abbia spinto le imprese alla prudenza e a un maggior rigore sul fronte della spesa per investimenti e dei costi. Ciò dovrebbe avere un impatto favorevole sui profitti futuri. A condizione, però, che i fattori macroeconomici o geopolitici non riservino sorprese particolarmente negative”.

 

La Cina in portafoglio
Quanto è presente la Cina nei fondi che si muovono in tutta la regione asiatica? Nella tabella in basso sono elencate (in ordine decrescente) le diverse categorie dedicate agli strumenti che investono nell’azionario dell’area con la presenza netta di equity cinese.

 

Quanta Cina c’è nelle categorie Asia
cina e asia

 

Il segmento dove il paese è più presente è quello Asia-ex Japan. Nella tabella in basso sono elencati i 10 strumenti che, all’interno di questo universo, hanno la maggior presenza netta di azionario China.

 

I 10 fondi Asia-ex Japan che hanno più azionario China
asia ex japan

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi le altre analisi dedicate ai portafogli dei fondi

Clicca qui

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies