2 titoli petroliferi a 4 stelle

Repsol ha programmato investimenti lungo tutta la filiera di produzione dell'oro nero per far aumentare i flussi di cassa.  Il dividendo è il più ricco del settore. Shell torna a ridare valore agli azionisti e razionalizza le spese.

Marco Caprotti 28/01/2020 | 15:05

Repsol
Repsol ha lanciato un piano di crescita che prevede investimenti nel segmento upstream (estrazione) e downstream (trasporto, lavorazione e vendita), oltre che spese per diventare una società con un minore impatto per quanto riguarda il carbonio. Scelte che, secondo il management, dovrebbero aumentare i flussi di cassa e i guadagni. “La società si aspetta che il segmento upstream dia il contributo maggiore grazie a una crescita del 2,6% all’anno dei barili di petrolio rispetto ai 700 milioni estratti oggi”, spiega Allen Good, Sector strategist di Morningstar in un report del 14 gennaio 2020 (Rating 4 stelle. Price/fair value: 17,7 euro). “Il segmento downstream fornirà cash flow grazie a una combinazione di margini più alti e all’espansione nel business del low carbon”.

La società intende aumentare il dividendo dell’8% all’anno diventando una delle aziende del settore che fa crescere di più la cedola. “L’aumento è stato deciso prevedendo un prezzo del petrolio di circa 50 dollari al barile”, dice lo strategist. “Non è stata esclusa la possibilità di procedere con un piano di riacquisto di azioni proprie”.  

Shell
Con la decisione di tornare al dividendo, Shell ha dimostrato di aver fatto la scelta giusta per restare un titolo interessante in un mondo dove il prezzo del barile è sceso rispetto alle valutazioni record di qualche anno fa (sembrano passati secoli dai 147 dollari del luglio 2008). “Come il resto delle società integrate il gruppo ha ridotto i suoi costi, che erano cresciuti molto, tagliando il personale e migliorando la catena dei fornitori”, spiega Good in un report del 14 dicembre 2019 (Rating: 4 stelle. Price/fair value: 78 dollari. ADR quotato a New York). “Il gruppo aveva già tagliato i suoi costi operativi del 20% rispetto ai livelli del 2014, ma ha il potenziale per agire ulteriormente su questo fronte nei prossimi anni.

Shell ha anche deciso di evitare alcuni errori del passato. Come quando, ad esempio, un aumento dei prezzi delle commodity ha portato a un aumento delle spese. “Per risolvere il problema ha deciso di tenere le spese di capitale nella forchetta compresa fra 24 miliardi e 29 miliardi di dollari”, spiega Good. “Una riduzione del 40% rispetto ai livelli del 2014. Il forte taglio dovrebbe migliorare l’efficienza sul fronte dell’utilizzo del capitale senza però sacrificare la crescita del gruppo. L’effetto della riorganizzazione si dovrebbe vedere soprattutto nei progetti deep water (trivellazioni in acque molto profonde) nel golfo del Messico e in Brasile. “La migliore gestione economica di questi progetti, unita ai molti progetti in corso di completamento e a un buon numero di giacimenti di gas naturale, dovrebbe portare a una crescita della produzione e a una riduzione delle spese” dice Good.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Nella sezione Azioni trovi altre analisi sull’equity.

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Repsol SA10,51 EUR0,00
Royal Dutch Shell PLC ADR Class A43,94 USD-3,96

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar