Cyber-sicurezza, come cambia il mercato

Il numero di attacchi digitali sta aumentando, mentre crescono le difficoltà per garantire l’inviolabilità delle informazioni. In futuro, dicono gli analisti di Morningstar, vinceranno le aziende che sapranno cavalcare tre temi: cloud ibridi, piattaforme e automazione.

Marco Caprotti 03/12/2019 | 16:20

Ransomware: virus tecnologico che limita l’acceso al dispositivo che infetta e chiede un riscatto per sbloccarlo. DDOS: attacco digitale che vuole impedire l’uso di una risorsa di rete, come ad esempio, un sito Internet. Phishing: truffa effettuata online con la quale si vuole ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali. 0-day: qualsiasi vulnerabilità di sicurezza informatica non espressamente nota allo sviluppatore e che può essere sfruttata per compiere crimini. Questi quattro termini una volta utilizzati da una ristretta cerchia di esperti in cyber-sicurezza, sono ormai problemi quotidiani che coinvolgono tutti i cittadini: stati, professionisti, imprenditori o dipendenti di aziende private e pubbliche, e semplici studenti. Alcuni economisti stanno anche lanciando l’allarme sul rischio di un attacco informatico coordinato che bloccherebbe l’attività finanziaria mondiale.

Ma, dicono gli analisti di Morningstar, dal punto degli investitori la sicurezza digitale sta diventando anche una buona opportunità di investimento.

Aumentano i cyber-attacchi
Che la cybersecurity stia diventano un problema globale sempre più importante lo dicono i numeri. Secondo l’ultimo rapporto Clusit 2019 dell’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica (un organismo che raccoglie 500 operatori del settore e che fa capo al Dipartimento di informatica dell’Università di Milano), a livello mondiale (Italia inclusa) dal 2011 fino al primo semestre di quest’anno ci sono stati 9.174 attacchi definiti come “di particolare gravità”, cioè che hanno avuto un impatto significativo per le vittime in termini di perdite economiche, di danni alla reputazione e di diffusione di dati sensibili (personali e non).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies