2 titoli per cavalcare la svolta green Usa

First Solar e NiSource sono tra le società americane meglio posizionate per trarre beneficio dagli investimenti nelle energie rinnovabili.

Francesco Lavecchia 26/11/2019 | 00:38

First Solar ha recentemente annunciato l’intenzione di uscire dal business dell’ingegneria e delle costruzioni per concentrare i suoi sforzi sulla produzione di pannelli solari e gli ultimi risultati dicono che l’azienda si sta aggiudicando importanti contratti specie in Nord America che ora rappresenta il suo principale mercato di sbocco.

Crescita della domanda e dazi giocano a favore di First Solar
“Nonostante le premesse siano incoraggianti, l’azienda non possiede un Economic moat. In questo settore la partita si gioca sui bassi costi di produzione e sul tasso di conversione dei pannelli, cioè la capacità dei moduli di trasformare il sole in elettricità. La tecnologia offerta da First Solar offre un leggero vantaggio in entrambi i campi, ma non abbastanza da garantirle un vantaggio competitivo”, dice Travis Miller analista azionario di Morningstar. “Ci aspettiamo che per mantenere il passo con la concorrenza, First Solar investa in nuove tecnologie e in capacità produttiva. Cosa possibile anche grazie alla stabilità delle sue finanze. L’azienda beneficerà della crescita della domanda di energia solare a livello mondiale e dei dazi sui pannelli solari prodotti in Asia che renderanno più convenienti i loro manufatti, e prevediamo per i prossimi cinque anni un tasso di crescita medio dei ricavi del 18%”. Il titolo è scambiato su valori di poco inferiori al fair value di 59 dollari ed è valutato con un rating Morningstar di 3 stelle (report aggiornato al 30 ottobre 2019).

NiSource promette investimenti nelle rinnovabili
NiSource è tra le utility americane che non hanno ancora una grossa esposizione al settore delle energie rinnovabili ma che hanno un alto potenziale nella crescita degli investimenti.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies