Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

2 titoli per cavalcare il trend dell’auto elettrica

BorgWarner e BMW hanno un vantaggio competitivo all’interno dei relativi settori e sono tra le aziende meglio posizionate per capitalizzare la svolta green nell'industria delle quattroruote.

Francesco Lavecchia 08/10/2019 | 15:14

BorgWarner, secondo gli analisti di Morningstar, è tra le aziende del comparto della componentistica meglio posizionate per trarre vantaggio dalle restrittive legislazioni mondiali in tema di emissioni inquinanti delle auto. “I timori per il bando dei motori diesel sono esagerati e BorgWarner, che è leader nella produzione di componenti per il miglioramento dell’efficienza di questi propulsori, potrà continuare a contare su questa fonte di guadagno”, spiega Richard Hilgert analista azionario di Morningstar. Inoltre, grazie all’acquisizione di Remy nel 2015 l’azienda è in prima linea per cavalcare la crescita della domanda di vetture ibride ed elettriche.

Le stime degli analisti
“Le nostre stime per i prossimi cinque anni indicano una crescita media del fatturato del 5%, ben superiore alla domanda di autovetture a livello globale, mentre il margine Ebitda rimarrà stabile attorno al 16%”, dice l’analista. “Il gruppo riesce costantemente a innovare i suoi prodotti, cosa che le garantisce più ampi margini di manovra sul prezzo. Questo, unito all’ubicazione dei centri di produzione in paesi con un basso costo del lavoro, gli garantiscono una redditività superiore alla media”. La stima del fair value fatta dall’analista è pari a 57 dollari e vale al titolo un rating di 5 stelle (report aggiornato al 24 settembre 2019).

Bmw raccoglie la sfida dell'elettrico 
Bmw è tra le poche case automobilistiche al mondo a cui gli analisti di Morningstar riconoscono un Economic moat. “Grazie alla forza dei suoi marchi e alla capacità di apportare costantemente innovazioni tecnologiche sui propri veicoli, il gruppo tedesco riesce ad avere una profittabilità superiore alla media dei competitor e ci aspettiamo che questo possa ripetersi anche nei prossimi anni nonostante il forte investimento nel segmento elettrico”, dice Hilgert.

“Entro il 2023 l’azienda ha l’obiettivo di lanciare 25 nuovi modelli, 12 completamente elettrici e 13 ibridi. Ci aspettiamo che l’effetto sui margini di profitto sia limitato e che l’Ebitda continui a mantenersi attorno al valore storico negli ultimi 10 anni. Sulla base di queste ipotesi stimiamo un fair value pari a 118 euro e assegniamo un rating Morningstar di 5 stelle” (report aggiornato all’1 agosto 2019).

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Bayerische Motoren Werke AG68,47 EUR0,93
BorgWarner Inc39,74 USD1,95

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar