Raccolta fondi, marzo di riscatti per l’industria europea

I deflussi sono stati causati soprattutto dai comparti azionari e alternativi. Gli indicizzati guadagnano quote di mercato.

Sara Silano 08/05/2019 | 15:02
Facebook Twitter LinkedIn

I fondi comuni europei soffrono nell’ultimo mese del primo trimestre. Secondo il Morningstar asset flow commentary, curato da Ali Masarwah dell’Editorial research team, a marzo i deflussi netti dai comparti a lungo termine (esclusi i monetari) sono stati pari a 685 milioni di euro, dopo un inizio d’anno positivo. Colpa soprattutto degli azionari, che hanno lasciato sul terreno circa 18 miliardi, nonostante i continui rialzi delle Borse. I riscatti hanno colpito anche gli alternativi, per il settimo mese consecutivo (-5,8 miliardi) e i bilanciati (-3 miliardi). In controtendenza gli obbligazionari, che hanno raccolto 27,7 miliardi.

Flussi netti nei fondi europei a marzo 2019

In questo contesto, i fondi passivi (non quotati ed Exchange traded fund) hanno proseguito nel togliere quote di mercato agli attivi. I flussi netti dei primi sono stati di 4,6 miliardi contro i -5,3 degli active manager. A fine marzo, la fetta degli index fund sul totale del patrimonio gestito in Europa è del 17,4% contro il 15,7% di un anno fa.

Le migliori e peggiori categorie
A livello di categorie, la migliore per raccolta è stata quella degli Azionari globali large cap blend, grazie ai flussi nei fondi attivi. Seconda è quella degli Obbligazionari emergenti e terza dei Corporate bond in euro.

Flussi netti per categorie Morningstar a marzo  2019

Per contro, i riscatti hanno colpito gli Azionari specializzati sull’Eurozona, gli Alternativi multi-strategy e l’Equity Europa large cap blend.

Deflussi netti per categorie Morningstar a marzo 2019

Chi sale e chi scende
Tra le case di investimento, iShares è prima per raccolta a marzo, grazie soprattutto alla domanda di Etf sul reddito fisso (+4,24 miliardi in totale). Per la stessa ragione, Pimco è la migliore società tra quelle attive (+4,22 miliardi), con un ruolo da protagonista svolto dal comparto Pimco GIS Income. Sul fronte opposto, Artemis, operatore inglese, ha sofferto i più alti deflussi dai suoi fondi domiciliati nel Regno Unito (-2 miliardi, mentre sono positivi i dati delle versioni lussemburghesi distribuite dalla piattaforma FundRock). Tra i gruppi con più alti riscatti netti figura Amundi (-1,91 miliardi), con i prodotti domiciliati in Italia e Francia tra i più colpiti. Tra i provider di index fund, il risultato peggiore è stato registrato da Credit Suisse (-1,97 miliardi).

L'analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari, Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia