Cina e Usa troveranno un accordo?

Le questioni sul tavolo, spiegano gli analisti di Morningstar, sono in discussione da anni. L’amministrazione americana ha interesse a una soluzione morbida da sbandierare in casa come una vittoria. Ma se si arriverà allo scontro, il paese asiatico rallenterà.

Marco Caprotti 07/05/2019 | 15:04

Trump minaccia e la Cina cerca di rispondere con la calma, nonostante abbia qualche motivo per preoccuparsi se la tensione sulle tariffe doganali dovesse aumentare. L’annuncio del presidente Usa di portare i dazi su 200 miliardi di dollari di beni cinesi dal 10% al 25% e di imporre tariffe su altri prodotti attualmente non in lista (per un valore di 325 miliardi di dollari) ha colto di sorpresa i mercati e ha fatto spaventare gli investitori. Anche perché le decisioni, se portate avanti, rischierebbero di bloccare praticamente tutte le importazioni verso gli Usa dal paese asiatico.

Pechino ha risposto comunicando che il vicepremier, Liu He, rappresentante speciale del presidente Xi Jinping sul complesso dossier commerciale, guiderà ancora la delegazione in partenza per gli Usa in vista dell’undicesimo round di colloqui che si terranno a Washington il 9 e il 10 maggio. 

“Che si raggiunga o meno un accordo, non è il momento di abbassare l’attenzione sulla minaccia che può rappresentare nel lungo termine un conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina e l’impatto economico che questo potrebbe avere sul paese asiatico”, spiega un report firmato dal China Economic Committee di Morningstar. “Noi abbiamo abbassato le stime di lungo periodo (10 anni) sulla crescita del Pil cinese portandole da 3,5% a 3,25%, incorporando nell’outlook i possibili scenari di conflitto fra i due paesi”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies