I bond tengono gli occhi puntati sugli Usa

Gli ultimi dati arrivati dall’America sono migliori delle attese e chi investe nel debito si è fatto tornare un po’ di appetito per il rischio.

Marco Caprotti 02/05/2019 | 11:42

I fondi dedicati ai mercati obbligazionari si sono mossi in ordine sparso nelle ultime settimane. Quelli che investono sui bond a livello globale in un mese (fino al 29 aprile e calcolati in euro) hanno guadagnato (mediamente) lo 0,31%. Il segmento riservato a chi punta sui corporate bond è salito di quasi l’1%, mentre il comparto di chi si muove sul debito high yield è cresciuto dell’1,74%. In sostanza, quindi, si è registrato un certo appetito per le emissioni più rischiose (fra queste anche i bond dei paesi emergenti con il +0,66% dei fondi che investono in hard currency e il +0,5% di quelli in valuta locale).

Andamento categorie Morningstar bond
bond categorie

Radar sugli Usa
Il mercato sta osservando quello che succede negli Stati Uniti. “Gli operatori danno quasi per certo che la Federal Reserve non toccherà i tassi di interesse”, spiega Dave Sekera, managing director dei corporate bond rating e della ricerca di Morningstar Credit Ratings. “Nonostante l’attività economica negli Stati Uniti sia stata più forte delle attese, i misuratori che riguardano l’inflazione sono rimasti invariati. Le spese personali, ad esempio, da gennaio a marzo sono aumentate solo dell’1,3%”, dice Sekera. “Inoltre, è vero che gli ultimi dati macro sono stati particolarmente forti, ma non è detto che i fattori che hanno spinto la congiuntura nel primo trimestre dell’anno restino in piedi nei prossimi quarter”. In questo senso vanno anche le ultime indicazioni arrivate dalla Fed nella riunione dell’1 maggio. Questo, quindi, sembra escludere altri tagli dei tassi di interesse Usa che, nel corso dell’ultimo meeting, non sono stati toccati. Il costo del denaro, quindi, resta fermo in una forchetta fra il 2,25% e il 2,50%. Questo malgrado il pressing del presidente Usa, Donald Trump, che ha esortato la Fed a tagliare i tassi dell'1% e a rafforzare il suo programma di Quantitative easing per far accelerare l'economia “come un razzo”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar