Le tre P per guardare oltre la recessione tecnica in Italia

Le politiche monetarie continuano ad avere un ruolo centrale in Europa, ma acquistano sempre più importanza quelle fiscali. E nel Belpaese, senza politiche economiche forti, il rischio è che un rallentamento diventi un ristagno dell’attività produttiva ben più serio.

Sara Silano 20/02/2019 | 09:19

L’Italia è in recessione tecnica (si verifica quando il Prodotto interno lordo segna due trimestri consecutivi di crescita negativa). E il 2019 è cominciato con una pioggia di revisioni al ribasso delle stime economiche per i prossimi mesi. Di conseguenza, lo spread tra i BTp e i titoli di Stato di pari durata tedeschi è tornato a salire, arrivando a 290 punti dopo le previsioni più pessimistiche della Commissione europea per la congiuntura del Belpaese.

Questo stillicidio di dati può far perdere l’orientamento agli investitori, che, per compiere scelte di investimento, necessitano di una visione di più ampio respiro. Per porre la questione in prospettiva, possiamo usare le tre “P”: politica monetaria, fiscale ed economica.

La politica monetaria
La prima, che fa capo alla Banca centrale europea, ha come obiettivo primario la stabilità dei prezzi, definita da un tasso di inflazione prossimo al 2% nel medio periodo. Gli ultimi dati congiunturali, tuttavia, mostrano un rallentamento della crescita, tanto che l’istituto di Francoforte ha espresso preoccupazione per “gli accresciuti rischi al ribasso” e una lontananza da questo target. Gli occhi sono puntati sulla riunione del 7 marzo, durante la quale potrebbe essere annunciato un terzo TLTRO, operazione di finanziamento mirata a lungo termine. “Sarebbe di aiuto al sistema bancario, garantendo liquidità e finanziamenti a un costo ragionevole ed evitando il restringimento delle condizioni di credito”, spiega Fabrizio Fiorini, responsabile degli investimenti di Pramerica Sgr. “Di questo aspetto favorevole, potrebbero beneficiare in particolare le banche dei Paesi con il costo di finanziamento più alto, come quelle italiane”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies