L’hi-tech a volte trema, ma ha numeri da record

I bilanci dei titoli Faang, nonstante qualche problema, continuano a crescere. Secondo gli analisti di Morningstar, sono a sconto. A parte Netflix.

Marco Caprotti 12/02/2019 | 10:09

La stagione delle trimestrali ha fatto tornare in cima alle cronache finanziarie i titoli tecnologici. In particolare quelli raccolti nell’acronimo Faang (Facebook, Apple, Amazon, Netflix, Google) che sembravano finiti in disparte sul finire del 2018, quando la volatilità dei mercati si era accanita sui nomi growth che negli ultimi anni avevano corso di più. Bilanci alla mano, hanno cercato di dimostrare come la loro crescita, nonostante alcune scivolate, potrebbe non essere finita.

Facebook
La società che ha sorpreso di più è stata Facebook che, nonostante un 2018 complicato (nel quale ha avuto anche a che fare con lo scandalo dei dati personali usati in maniera illecita), nel quarto trimestre ha battuto le previsioni sia in termini di ricavi che di profitti, grazie all’aumento degli utenti attivi mensili (+9%) e delle revenue da pubblicità. In Borsa il risultato è stato, a gennaio, un galoppo del 27% (in dollari) che ha portato il titolo a 170 dollari. Una quotazione comunque lontana dai 220 dollari della scorsa estate.

“Siamo convinti che la continua crescita di utilizzatori di Instragram, IGTV e Stories attrarranno altri inserzionisti sulla piattaforma Facebook”, spiega Ali Mogharabi, analista di Morningstar che, in un report del 30 gennaio 2019, ha alzato del 2% il fair value del titolo di Mark Zuckenberg portandolo a 190 dollari (rating 3 stelle, 166 dollari la quotazione di questi giorni).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Alphabet Inc A1.441,21 USD0,77
Amazon.com Inc3.024,61 USD2,17
Apple Inc110,93 USD0,77
Facebook Inc A249,96 USD0,73
Netflix Inc486,13 USD-0,25

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies