Jupiter, giudizio resta positivo con l’arrivo del nuovo Ad

I FONDI DELLA SETTIMANA. Formica prenderà il posto di Slendebroek a marzo. Gli analisti di Morningstar non si aspettano grandi cambiamenti nella direzione strategica della società.

Sara Silano 06/02/2019 | 12:08
Facebook Twitter LinkedIn

Jupiter ha annunciato che Andrew Formica sarà il nuovo amministratore delegato dal 1° marzo 2019. Sostituirà Maarten Slendebroek, che lascerà all’inizio di maggio dopo un breve periodo di transizione. Formica è stato per dieci anni CEO (Chief executive officer) di Hederson, poi co-CEO della società nata dalla fusione con Janus, quindi ne era uscito a luglio 2018.

Gli analisti di Morningstar riconoscono il lavoro fatto da Slendebroek negli scorsi cinque anni per diversificare la distribuzione e le competenze sulle diverse asset class. “Jupiter ha numerosi gestori esperti a il turnover dei manager e degli analisti è generalmente rimasto basso”, si legge in una nota di Samuel Meakin, senior analyst di Morningstar, pubblicata il 22 gennaio 2019. “Continueremo a monitorare la situazione, ma non ci aspettiamo grandi cambiamenti nella direzione strategica o nei team di investimento. Per questo, manteniamo il nostro giudizio positivo sul Pilastro societario e confermiamo i rating per i fondi coperti dalla nostra ricerca”.

I fondi jupiter con Analyst rating disponibili in Italia

Tra i fondi Jupiter disponibili in Italia, lo European growth ha il massimo del Morningstar Analyst rating (Gold, report di Samuel Maekin del 3 maggio 2018). Secondo i ricercatori di Morningstar, è una delle migliori proposte tra gli Azionari Europa, grazie alle capacità del suo gestore, Alexander Darwall, responsabile dall’aprile 2007. La strategia è unconstrained, ossia dà la possibilità al manager di trovare le migliori opportunità nel Vecchio continente senza vincoli geografici o settoriali. L’approccio è basato sull’analisi fondamentale e la profonda conoscenza delle aziende, in modo da individuare quelle con crescita dei profitti e dei margini sostenibili nel lungo periodo. “La stabilità e coerenza del processo di investimento sono sicuramente uno dei fattori del suo successo”, conclude Maekin.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia