Il fondo multi-asset income non è parente del Btp

Ha in comune l’obiettivo di distribuire una cedola periodica, ma in portafoglio può contenere azioni, obbligazioni high yield, derivati e altri strumenti alternativi. Gli attuali bassi tassi di interesse spingono i gestori ad aumentare i rischi per rispettare gli obiettivi.

Sara Silano 10/01/2019 | 00:39

Il 31 dicembre 2018 è terminato il programma di acquisto di attività finanziarie, prevalentemente titoli obbligazionari, da parte della Banca centrale europea (Bce). I tassi di interesse nell’Eurozona, tuttavia, sembrano destinati a rimanere bassi ancora per molti mesi, almeno fino alla fine del 2019 secondo molti analisti. Per gli investitori a caccia di cedole, dunque, continueranno i tempi duri.

Nell’ultimo decennio, le principali banche centrali hanno intrapreso politiche monetarie ultra-espansive per sostenere il sistema economico e finanziario, con conseguente calo dei rendimenti (yield) dei titoli di Stato, che in alcuni casi sono finiti in territorio negativo. Prima del 2008-09, il relativamente poco rischioso Bund tedesco a 10 anni aveva un tasso di interesse tipicamente del 4% o più; a fine ottobre 2018 eravamo intorno a un magro 0,4%.

I fondi multi-asset income
In risposta a un contesto di bassi tassi di interesse dei titoli di Stato, gli investitori e le società di gestione hanno indirizzato la loro attenzione verso i fondi multi-asset income, ossia strumenti bilanciati che si pongono l’obiettivo di distribuire una cedola prefissata, in termini assoluti o percentuali, o variabile all’interno di un determinato intervallo, oppure flessibile a fronte di dividendi o coupon realizzati.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar