Le azioni retail si preparano a un ricco Natale

Negli Stati Uniti sta per iniziare la Shopping Season e le società del settore, complice la buona situazione economica, sono pronte a fare buoni affari. La volatilità ha fatto abbassare il prezzo dei titoli.

Marco Caprotti 20/11/2018 | 16:05
Facebook Twitter LinkedIn

Il conto alla rovescia per le spese natalizie sta per finire. E gli azionisti che hanno in portafoglio i titoli del settore retail inziano a fregarsi le mani. La Shopping Season non è lunghissima (inizia venerdì 23 novembre e si chiude il giorno di Santo Stefano. Boxing day, per gli americani). “Le grandi catene e i negozi, compresi quelli virtuali daranno fondo a tutte le strategie commerciali” spiega Vikram Barhat, analista di Morningstar. “Dai forti sconti alle consegne gratuite passando per promozioni aggressive tramite i cellulari, metteranno in campo tutte le loro armi per accaparrarsi il maggior numero possibile di clienti”.

A spingere gli acquisti saranno soprattutto la sensazione che l’economia sta viaggiando (gli ultimi dati sul Pil americano parlano di un progresso del 3,5% nel terzo trimestre) e la situazione complessiva del mercato del lavoro. Secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Lavoro americano, a ottobre 2018, sono stati creati 250mila nuovi posti nei settori non agricoli. In questo modo sono state battute le attese, che prevedevano una lettura a quota 189mila. Secondo il report, il tasso di disoccupazione si è confermato al 3,7%, il livello più basso dal 1969 ad oggi. Dal 2010 sono stati creati più di 20 milioni di posti di lavoro. Nel mese i salari medi sono cresciuti dello 0,2% a 27,3 dollari all’ora. Il progresso negli ultimi 12 mesi è stato pari al 3,1%, al massimo da metà 2009.

Più spese
In questa situazione tutti si aspettano che gli americani spendano. Secondo uno studio di Deloitte, il cliente medio durante la Shopping Season spenderà 1.536 dollari. In totale dai portafogli usciranno circa mille miliardi di dollari, secondo un report di eMarketer. Il sentiment positivo è riflesso anche dalla corsa della Borsa. L’indice S&P Retail Select Industry in un anno ha guadagnato circa il 28%, superando il +10% segnato dall’S&P500. “Questo potrebbe essere un periodo da ricordare per il segmento retail”, dice l’analista. “In Borsa ci sono occasioni interessanti, visto che la recente volatilità ha abbassato le valutazioni e ha fatto diventare interessanti soprattutto le azioni delle blue chip del settore”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy