Lehman Brothers e il Gattopardo

A dieci anni dal crollo della banca d’affari statunitense molte cose sono cambiate, ma la fragilità del sistema è ancora presente, con la differenza che oggi le banche centrali hanno perso potenza di fuoco.

Valerio Baselli 26/09/2018 | 09:33

Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi. La famosa citazione de Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa si potrebbe applicare al mondo finanziario post-Lehman. La crisi del 2008 è stata in ultima analisi determinata dall’avidità che ha portato a posizioni caratterizzate da un’eccessiva leva finanziaria su debiti di scarsa qualità. Dieci anni dopo, (ri)scopriamo che le vecchie abitudini sono dure a morire.

La questione centrale resta, infatti, l’utilizzo della leva finanziaria nell’economia. L’indebitamento è diminuito in alcuni paesi e settori (come, ovviamente, il real estate), ma in generale il livello di tassi estremamente basso e l’intervento pubblico hanno portato a un aumento generalizzato della leva economica. Secondo l’ultimo Global Debt Monitor dell’Institute of International Finance, il debito aggregato è infatti passato in dieci anni da 173 a 247 mila miliardi di dollari, circa il 318% del Pil globale (era al 283% nel 2008).

Inoltre, “gli investitori alla ricerca di rendimenti si sono lanciati su strategie difficilmente in grado di fornire la liquidità necessaria per la prossima crisi (ad esempio il credito alternativo). Peggio ancora, gli operatori non stanno prezzando un evento del genere”, afferma in una nota Jerome Teiletche, Head of Cross Asset Solutions di Unigestion.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies