Fra Usa ed Europa, si fa strada il Giappone

I gestori che investono a livello internazionale guardano con sempre maggior interesse al mercato nipponico: a differenza dell’America è a sconto e non ha le tensioni politiche del Vecchio continente. Meglio un approccio value o growth?

Marco Caprotti 13/09/2018 | 11:50

Gli occhi dei gestori internazionali si spostano sempre più spesso sul Giappone. Una scelta inevitabile, dicono gli investitori che lavorano sui paesi sviluppati, in un momento in cui gli Stati Uniti continuano a correre e in Europa non si placano le preoccupazioni legate agli sviluppi di diverse situazioni politiche. “Gli argomenti che portano i gestori sono diversi”, spiega David Brechley, analista di Morningstar. “Parlano di crescita dei profitti più veloce rispetto ad altri mercati, delle riforme del premier Shinzo Abe che funzionano, della corporate governance che migliora e di un maggior rispetto per i piccoli azionisti”.

Value o Growth?
Quando si parla di investire in Giappone, tuttavia, una questione resta aperta: meglio i titoli value o quelli growth? Il problema non è di poco conto in un paese che ha grandi aziende di vecchio tipo che possono essere considerate value (auto e banche), ma che ha dato il passo al resto del mondo in segmenti tipicamente growth come la tecnologia e dove nascono aziende che stanno costrunendo la cosiddetta New Japan Economy (o Shin Nippon). Fra queste ci sono alcune società all’avanguardia nell’intelligenza artificiale. “Su questo punto le opionini dei manager divergono”, dice Brechely. “Secondo alcuni la struttura del mercato giapponese è tipicamente value e il numero delle aziende growth non giustifica ancora un totale cambiamento di approccio. Altri ritengono che il crescente numero di società altamente innovative giustifichi un cambio di prospettiva quando si parla dell’Arcipelago. Tutti però sono d’accordo su una cosa: l’equity giapponese è decisamente a sconto”.  L’indice Morningstar Japan da inizio anno (fino al 12 settembre e in euro) ha perso l’1,3% (-5,5% in yen).

Indice Morningstar Japan
japp

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies