Crisi turca: ecco cosa temono le banche europee

Le azioni degli istituti del Vecchio continente si sono indebolite con il peggioramento della situazione economica del paese emergente. I timori sono giustificati? Gli analisti di Morningstar disegnano tre scenari.   

Marco Caprotti 11/09/2018 | 14:51
Facebook Twitter LinkedIn

I banchieri europei guardano la Turchia e sudano freddo. Le azioni degli istituti del Vecchio continente sono andati in picchiata da quando il paese emergente è entrato in una delle peggiori crisi economiche della sua storia. Il timore è che l’esposizione che hanno nella regione possa portare forti perdite.

La paura ha un fondamento. “Molte banche europee hanno una presenza tramite delle affiliate in Turchia e il paese è alle prese con una forte inflazione e con il calo della divisa”, spiegan Johann Scholtz, analista di Morningstar. “Il tutto è peggiorato dalle tariffe sulle importazioni applicate dagli Stati Uniti che stanno aumentando il deficit commerciale degli emerging in generale”. La lira turca ha perso metà del suo valore nella prima metà del 2018. Un crollo che ha subito una brusca accelerazione a partire dall’inizio di agosto.

Lira turca/euro
lira

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies