Dividendi in crescita per le banche Usa

Gli istututi americani hanno intenzione di far crescere le cedole. Ma, dicono gli analisti di Morningstar, hanno ancora spazi per aumentare il payout.

Marco Caprotti 07/08/2018 | 12:37

In apparenza il lavoro di una banca appare semplice. L’istituto prende denaro, lo presta a un tasso stabilito e incassa gli interessi. Dal punto di vista dei dividendi delle banche Usa sembra una facile fonte per finanziare le cedole. “Questo rubinetto, tuttavia, non è il solo elemento da considerare”, spiega Michael Hodel, portfolio manager di Morningstar Investment Management. “Ci sono da prendere in esame gli spread del credito, il rapporto fra equity e asset, l’efficienza patrimonale e la percentuale di debiti incagliati o inesigibili detenuti dalla banca”.

Arriva la crisi
Tutto, comunque, sembrava funzionare bene fino a un decennio fa. Poi è arrivata la crisi finanziaria che ha costretto molti istituti a ridurre o a eliminare del tutto il payout versato agli investitori. “La decisione di tagliare o cancellare il dividendo è stata inevitabile”, dice Hodel. “A questo si sono uniti una serie di regolamenti tesi a rafforzare le fondamenta patrimoniali delle banche che hanno spinto verso un’ulteriore stretta sulle cedole per permettere agli istituti di avere più soldi in cassa”.

Passata la buriana gli istituti di credito hanno ricominciato a versare dividendi, anche se il livello è rimasto più basso rispetto al periodo prima della crisi. Ma le cose sono sul punto di cambiare. “Negli Stati Uniti, per legge, le banche per staccare il dividendo hanno bisogno del permesso della Federal Reserve”, dice Hodel. “Per qusto motivo è facile sapere qule sarà la cedola versata da ogni singolo istituto. In base ai dati più recenti i dividendi della banche Usa danno un rendimento superore al 3%. L’analisi nel dettaglio mostra che gli istututi di credito verseranno per le cedole meno del 30% degli utili. Questo, almeno dal punto di vista teorico, lascia spazione per un aumento delle cedole in futuro”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar