Morningstar rivede i fair value di Unicredit e Intesa Sanpaolo

La decisione non è una risposta agli eventi politici di questi giorni. Preoccupano, però, il peggioramento delle condizioni economiche in Italia e il loro impatto sui crediti deteriorati delle banche.

Johann Scholtz 29/05/2018 | 11:18

Gli analisti di Morningstar hanno deciso di rivedere la stima del fair value di Intesa Sanpaolo e Unicredit (UCG), aumentando la valutazione della prima, da 2,30 a 2,60 euro, e riducendo quella di UCG da 19 a 17 euro, e di confermare per entrambe un Moat rating pari ad assente.

Il sell-off sul listino milanese, seguito all’accordo di Governo tra Lega e Movimento 5 Stelle, ha fatto scivolare il prezzo delle azioni delle due banche su livelli di circa il 10% più bassi rispetto ai massimi degli ultimi 12 mesi, tuttavia le correzioni dei fair value, tengono a precisare gli analisti, non sono una risposta al percepito aumento del rischio politico, ma sono semplicemente dovute all’aggiornamento del modello di stima.

Reazione esagerata del mercato
A causa dell’alto rischio Paese riteniamo che chi investe nelle banche italiane debba ricercare un premio al rischio più elevato rispetto alla media degli istituti di credito europei. Ad ogni modo crediamo che il mercato sovrastimi la rischiosità del sistema bancario dell’Italia e, in particolare, che l’attuale valutazione di Intesa Sanpaolo (ISP) non rispecchi i suoi fondamentali. Non c'è dubbio che ISP debba affrontare un rischio maggiore rispetto alla media delle banche europee a causa dell’elevata percentuale di asset detenuti in Italia (80% del totale) e non crediamo che nel medio termine riuscirà a crescere nei ricavi e nella profittabilità a ritmi superiori rispetto ai competitor continentali.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Intesa Sanpaolo1,88 EUR1,16
UniCredit SpA8,36 EUR1,32

Info autore

Johann Scholtz  E' Equity Analyst di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies