Occasioni corporate

Le obbligazioni societarie garantiscono rendimenti più elevati. Gli analisti di Morningstar preferiscono le emissioni di quelle aziende con elevato vantaggio competitivo. Ecco alcune idee di investimento.

Francesco Lavecchia 26/01/2018 | 09:47
Facebook Twitter LinkedIn

La sicurezza del credito societario è nella qualità del business dell’azienda. Gli analisti di Morningstar selezionano le migliori idee di investimento tra i corporate bond emessi a livello globale guardando a quelle società che, oltre ad avere un merito creditizio elevato e una cedola generosa, hanno una posizione di vantaggio all’interno del proprio settore (Economic moat).

La scelta tra i finanziari
Tra le aziende del settore finanza Northern Trust (NTRS) spicca per la sua alta profittabilità nei business del private banking e della custodia. Il gruppo finanziario ha una lunghissima tradizione e una forte reputazione nel servire le esigenze dei più abbienti del paese (Forbes stima che tra i suoi clienti ci sia il 24% delle 400 famiglie più ricche degli Stati Uniti). Questa è una nicchia difficile da conquistare, ma ancora più difficile da sottrarre alla concorrenza a causa della scarsa propensione al cambiamento dei clienti.

Per questa ragione gli analisti riconoscono a Northern Trust un Economic moat elevato. Il gruppo finanziario detiene una salda posizione di mercato anche nel secondo segmento in cui è attiva, ovvero quella relativo ai servizi di custodia. La società americana gestisce con questa finalità oltre 7 trilioni di dollari per conto di clienti di ogni parte del mondo. Il vantaggio nell’operare in questo business è dato dalla stabilità delle commissioni, garantita sia dalla scarsa dipendenza dal ciclo economico di questa attività che dalla reticenza da parte dei clienti a passare ad un diverso fornitore. L’azienda ha una forte solidità finanziaria, testimoniata da un Tier 1 di 12,3% (a settembre scorso), ed ha un ottimo track-record negli stress test effettuati negli ultimi anni.

Gli analisti di Morningstar assegnano un rating di A+ al merito creditizio della società (report aggiornato all’11 gennaio 2018) e hanno selezionato nella lista delle migliori idee di investimento l’emissione con scadenza nel 2025, che offre una cedola del 3,95%. 

Verizon preferita tra i telecom
Nel settore telecom la scelta ricade su Verizon, compagnia telefonica americana leader del mercato mobile domestico grazie a una copertura capillare del territorio che le permette di acquisire una larghissima fetta di consumatori e di realizzare dunque economie di scala elevate. Il business della telefonia mobile non è uno dei segmenti a maggior propensione alla crescita, ma riesce a garantire margini di profitto e flussi di cassa elevati quando, come nel caso di Verizon, l’azienda può contare su alti volumi di produzione.

Nonostante le ultime acquisizioni, e in particolare della quota di Vodafone in Verizon Wireless, abbiano aumentato il grado di indebitamento, l’ammontare di liquidità in bilancio e dei flussi di cassa garantiscono al gruppo una gestione finanziaria senza problemi. Gli analisti di Morningstar valutano con un rating di BBB il merito creditizio della società (report aggiornato al 22 settembre 2017) e selezionano tra le sue emissioni quella con scadenza nel 2027 che presenta una cedola del 4,13%. 

Analog Devices si fa notare tra i tecnologici
All’interno del comparto tecnologia la scelta ha premiato l’emissione di Analog Devices con scadenza nel 2026, la quale presenta un coupon del 3,5%. Il gruppo statunitense è leader nell’industria della produzione di microchip e la redditività della sua gestione è da ricondurre alle elevate barriere all’ingresso di nuovi operatori, per i quali risulta molto difficile riuscire a competere con la grande esperienza nel disegnare chip accumulata negli anni, e dal forte potere contrattuale nei confronti dei clienti, i quali tendono a mantenere rapporti di lunga durata con il fornitore che ha disegnato su misura i chip in base alle esigenze del proprio prodotto.

All’interno di un settore altamente frammentato Analog Devices è una delle poche aziende a poter vantare una quota di mercato dominante in uno specifico segmento, in quanto controlla circa la metà del mercato dei chip per i convertitori di dati, ed è ben posizionata per trarre profitto dal trend di lungo termine dell'aumento del contenuto elettronico negli autoveicoli, come ad esempio i sensori di sicurezza. Inoltre, grazie a un portafoglio clienti composto da decine di migliaia di committenti il suo fatturato non dipende dalle fortune di un singolo acquirente.

Nonostante la recente acquisizione di Linear Technology per 15,8 miliardi di dollari abbia alzato il rapporto debito/Ebitda, gli elevati flussi di cassa che la società è in grado di produrre con straordinaria costanza gli permetteranno di mantenere una grossa stabilità finanziaria, mentre le sinergie con le nuove attività acquisite promettono di riportare gradualmente il rapporto debito/Ebitda sotto quota 2. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Analog Devices Inc232,51 USD-0,87Rating
Northern Trust Corp83,31 USD0,54Rating
Verizon Communications Inc39,74 USD0,79Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures