La gestione attiva non ha i giorni contati

Sono sempre di più gli active manager che utilizzano strumenti passivi nei portafogli. Nel frattempo aumentano i replicanti che cercano di unire performance superiori all’indice di riferimento e costi bassi. 

Marco Caprotti 20/09/2017 | 09:42

La gestione attiva ha i giorni contati? È vero che sempre più investitori si stanno spostando verso strategie passive che hanno il doppio vantaggio di costare meno e di non essere influenzate dalle emozioni del gestore, facendo affidamento su algoritmi e analisi quantitative. Un fenomeno che Morningstar ha fotografato e analizzato in più occasioni (ad esempio leggi qui e qui). Ma dare per spacciato l’active management potrebbe essere prematuro. “Secondo me la gestione attiva non morirà mai”, dice Ben Johnson, responsabile della ricerca sugli Etf di Morningstar. “Ci saranno sempre investitori disposti a spendere un po’ di più per cercare un fondo che sia in grado di battere il mercato. E’ nella natura umana. Sono convinto, invece, che la gestione attiva di trasformerà. Anzi, ha già iniziato a farlo”.

A dimostrarlo ci sono due elementi: la crescita del numero di fondi attivi che mettono in portafoglio strumenti passivi e il maggior numero di strumenti che, nominalmente sono replicanti, ma utilizzano anche tecniche active. “Entrambi i fenomeni dimostrano che la gestione attiva è viva e che la distinzione fra attivo e passivo sta diventando sempre più sfumata”, dice Johnson.

Più passivo per l’attivo
Il processo decisionale di molti gestori attivi sta cambiando. Se prima la scelta poteva essere fra il titolo di Coca Cola o di Apple ora si trovano a decidere se metter in portafoglio le large cap Usa o le obbligazioni dei mercati emergenti denominate in dollari. “Questo tipo di decisioni vengono portate avanti sempre più spesso con l’utilizzo di Etf. A dettare la linea, come spesso accade nel mondo della finanza, sono gli Stati Uniti dove, dal 2006, il numero dei fondi che hanno almeno un Etf in portafoglio è raddoppiato. Il peso dei replicanti in questi portafogli, nel frattempo, è quadruplicato.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies