Low volatility, promessa mantenuta

Secondo uno studio Morningstar, i fondi di questo tipo hanno registrato una volatilità più bassa a tre e cinque anni. Il profilo di rischio/rendimento è migliore rispetto agli indici di riferimento. Attenzione, però, alle valutazioni.

Sara Silano 05/06/2017 | 15:44

La crisi del 2007-08 ha fatto toccare con mano a molti investitori il rischio di un investimento finanziario. Nel 2011 anche i BoT people, i risparmiatori in titoli di stato, hanno scoperto che non esistevano più “pasti gratuiti”. Ecco perché in dieci anni, la popolarità degli strumenti a bassa volatilità è aumentata in modo significativo. Secondo uno studio Morningstar dal titolo Low volatility: searching for a durable edge, l’offerta in Europa è passata da una dozzina di prodotti a 89 a fine 2016, di cui 63 fondi tradizionali e 26 Exchange traded fund (Etf).

Offerta di fondi low volatility in Europa

L’ascesa dei low volatility
Nello stesso periodo, le masse europee sono decuplicate, raggiungendo i 39,9 miliardi a dicembre 2016, di cui l’85% in strategie attive e il 15% in quelle passive. Queste ultime, tuttavia, hanno catturato sempre più l’interesse degli investitori negli ultimi anni. Con i mercati finanziari sulle montagne russe per molto tempo, i fondi a bassa volatilità hanno rappresentato una fonte rendimento, soprattutto nel 2008 e 2011, quando l’indice Msci World Minumum volatility ha battuto di oltre il 10% l’indice Msci azionario globale. Anche successivamente, hanno continuato a dare ritorni positivi in termini relativi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies