Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

L’Italia riparte dalle small cap

I fondi dedicati alle Pmi sono quelli che stanno dando il contributo maggiore all’andamento della categoria Morningstar dedicata al Belpaese. 

Marco Caprotti 19/01/2017 | 09:29
Facebook Twitter LinkedIn

Il 2017 sarà l’anno delle società a piccola e media capitalizzazione di Piazza Affari? Il sospetto viene guardando l’elenco dei fondi dedicati all’equity del Belpaese nell’ultimo mese (fino al 17 gennaio: 2,5%. -8,5% nel 2016). Alcuni di quelli che hanno registrato i risultati migliori fra la fine dell’anno scorso e l’inizio di quello appena iniziato, infatti, hanno un focus particolare sulle small e mid cap. Prodotti come Eurizon Azioni Pmi Italia (+5,62% in un mese, rating 5 stelle) o Symphonia Azionario Small Cap Italia (+5,6%, rating 5 stelle) sono gli strumenti che si sono piazzati ai primi posti nel periodo. L’indice Morningstar Italy, intanto, in un mese ha guadagnato quasi il 2%, mentre nel 2016 si è perso per strada il 9,9%.

Indice Morningstar Italy: 1 anno

italia

Dati in euro aggiornati al 17/1/2017
Fonte: Morningstar Direct

La corsa delle Pmi
Tra i fondi con analyst rating Morningstar si fa notare AXA WF Frm Italy E-C EUR (+3,12%. +13,91 nel 2016. 3 stelle Morningstar, Bronze). “Il gestore preferisce le azioni di società che abbiano i fondamentali per crescere o quelli di aziende che stanno subendo un processo di trasformazione”, spiega Francesco Paganelli, fund analyst di Morningstar. “Questo processo ha come risultato un basso turnover di portafoglio e un’esposizione superiore alla media alle mid cap. Gli investitori, tuttavia, possono contare su un elemento interno che garantisce la liquidità: almeno il 50% degli asset deve essere messo in posizioni che possono essere liquidate in un giorno”.

Zenit Multistrategy Stock Picking R (+3,41%. -15,95%. 1 stella) punta prevalentemente sui titoli small e mid cap del segmento value. A livello settoriale c’è un deciso sovrappeso dei beni di consumo ciclici e degli industriali. Non manca una buona esposizione ai tecnologici.

A livello di rating qualitativo, il giudizio più alto della categoria dedicata all’Italia (Silver) ce l’ha Fidelity Italy E-Acc-EUR (+1,32%. -9,32% nel 2016. 3 stelle). “Il gestore combina titoli di società in crescita e ciclici, con aziende in ristrutturazione”, dice Paganelli. “In questo modo lo stock picking rappresenta la fonte principale per creare valore aggiunto. Questo approccio unconstrained, unito a un mercato che di solito si concentra su pochi nomi, può portare ad andamenti diversi rispetto a quelli dei concorrenti presenti nella categoria o dal benchmark”. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.