Il petrolio scalda gli obbligazionari high yield

La ripresa dei corsi del barile nell’ultimo mese è stata agguantata soprattutto dal segmento ad alto rendimento. Gli emergenti non si sono fatti sfuggire l’occasione. Il settore corporate arranca. 

Marco Caprotti 28/12/2016 | 14:54

Il risveglio dei prezzi del petrolio piace al reddito fisso, anche se non tutto il comparto è stato in grado di approfittarne. Chi ha cavalcato il barile, in particolare nell’ultimo mese, è stata la categoria Morningstar dedicata ai bond high yield che, in quattro settimane (fino al 27 dicembre e in euro), ha guadagnato il 3,16%.

All’interno di questo segmento gli strumenti che si sono fatti notare di più sono quelli che hanno una buona esposizione alla carta delle società petrolifere. E’ il caso di Legg Mason BW Global High Yield A USD Acc che, in quattro settimane, è salito del 4,4% grazie anche alla presenza nelle top holding di portafoglio delle emissioni (scadenza 2026, rendimento 8,8%) della società energetica brasiliana Petrobras e dell’americana Murphy Oil (maturity 2024, yield 8,8%).

Si scaldano anche gli emerging
“Le fiammate del barile hanno dato una spinta anche al segmento dei bond dei paesi emergenti”, dice Sara Bush, analista sul reddito fisso di Morningstar. “Il segmento, tra l’altro, avrebbe potuto avere una performance migliore se non ci fossero stati elementi che hanno preoccupato gli investitori come l’elezione di Donald Trump alla presidenza Usa (che ha promesso politiche protezionistiche che potrebbero danneggiare le importazioni) e il rialzo dei tassi da parte della Fed”. La categoria dedicata al debito dei paesi in via di sviluppo nell’ultimo mese ha guadagnato quasi il 3%. “Per quanto riguarda l’aspetto valutario, la fotografia mostra luci ed ombre”, dice l’analista di Morningstar. “Il real, il rublo e il rand si sono comportati bene nei confronti delle principali divise forti. Il peso, invece, è finito sotto pressione anche a causa delle preoccupazioni legate alla politica anti immigrazione della prossima amministrazione Usa”. 

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies