Etf a confronto: Azionari India

Partendo dalle ricerche Morningstar, abbiamo analizzato i diversi replicanti dedicati al mercato equity di Bombay, disponibili nel Vecchio continente.

Valerio Baselli 24/10/2016 | 09:52

Il mercato azionario indiano, misurato dall’indice Msci India in dollari americani, ha battuto il più ampio Msci Emerging Markets del 2,3% su base annua negli ultimi 10 anni (da luglio 2006 a luglio 2016). Il profilo demografico particolarmente giovane e l'economia alimentata da uno spiccato spirito imprenditoriale e da un’innovazione costante fanno dei titoli azionari indiani una soluzione particolarmente attraente in confronto alle altre economie emergenti. Oltre il 65% della popolazione ha meno di 35 anni e grandi segmenti della società sono ben istruiti e parlano inglese.

Il sentiment degli investitori verso l’India continua ad essere positivo. Il primo ministro Narendra Modi ha fatto dei passi in avanti nella sua agenda di riforme, alzando ad esempio i limiti sulla proprietà straniera in settori come quello assicurativo e proponendo una nuova organizzazione fiscale centralizzata che dovrebbe semplificare notevolmente l’attuale struttura spezzettata in un numero elevato di province.

L’India ha inoltre beneficiato della caduta dei prezzi del petrolio. Il paese è un importatore netto di greggio, che ha quindi registrato un calo del suo deficit di conto corrente, così come una discesa dell'inflazione. Questo, a sua volta, ha permesso alla Reserve Bank of India di adottare una politica monetaria più accomodante al fine di sostenere la crescita economica. E rispetto ai suoi “cugini” emergenti, le prospettive dell'India sono decisamente migliori. Mentre l'economia cinese rallenta e il Brasile è in recessione, il Fondo monetario internazionale stima un tasso di crescita del 7,5% per l'India nel 2016 e 2017. Detto questo, una risalita del prezzo del petrolio giocherebbe come un vento contrario per la crescita economica, il che potrebbe a sua volta sgonfiare rapidamente i mercati azionari.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar