Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Fair value, occasioni tra i finanziari

I NUMERI DELLA SETTIMANA. Migliorano le previsioni sui risultati di Invesco e AIG e gli analisti alzano il prezzo obiettivo delle due società. L’upgrade si traduce per entrambe in un rating Morningstar di quattro stelle.

Francesco Lavecchia 04/10/2016 | 15:07
Facebook Twitter LinkedIn

I finanziari escono da un’ottava difficile con due promozioni. I timori legati alle difficoltà di Deutsche Bank e alle possibili ripercussioni che la crisi dell’istituto di credito tedesco potrebbe avere sull’intero comparto in Europa, hanno danneggiato i titoli bancari che hanno lasciato sul terreno circa due punti percentuali (rendimenti in euro).

La performance negativa del settore ha contribuito a rendere più convenienti i rapporti Prezzo/Fair value delle stock e in particolare di Invesco e della compagnia assicurativa American International Group, per le quali gli analisti di Morningstar hanno alzato le loro valutazioni.

Invesco non teme la Brexit
“Il fair value di Invesco è salito da 34 a 36 dollari (report pubblicato in data 23 settembre) in seguito alla revisione delle nostre stime legate all’asset under management, ai ricavi e alla profittabilità del gruppo americano per i prossimi cinque anni”, dice Greggory Warren analista azionario di Morningstar. “La raccolta dovrebbe mantenersi debole anche per il 2017, per poi salire al ritmo del 2%-4% nei successivi tre anni spingendo il fatturato a un tasso medio del 4,3%. La bassa crescita nel breve periodo peserà sui margini di profitto, che però sono visti in aumento tra il 30% e il 35% entro il 2020”.

La Brexit avrà delle ripercussioni sui risultati di breve termine, ma il gruppo finanziario ha un modello di business solido e un forte posizionamento, sia nel mercato britannico che in quello europeo, che gli permetteranno di superare questo periodo di transizione e le difficoltà che da esso deriveranno

AIG in miglioramento dopo il 2016
Il fair value di American International Group (AIG) è salito da 68 a 70 dollari (report pubblicato in data 30 settembre) in seguito al miglioramento delle previsioni per i prossimi dieci anni. “Quest’esercizio è destinato a chiudersi con un calo del fatturato del 9% circa, mentre nei successivi nove il ritmo di crescita medio dei ricavi sarà superiore al 2%”, dice Brett Horn analista azionario di Morningstar. “I bassi tassi di interesse continueranno a pesare sui risultati del gruppo, ma il progressivo miglioramento dell’efficienza operativa e le performance del segmento vita promettono di sostenere l’allargamento dei margini di profitto”. Al momento il titolo è scambiato a un rapporto Prezzo/Fair value di 0,84 che vale ad AIG un rating Morningstar di quattro stelle.  

 

 

3ottobre

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia