Il moat nel piatto

Alcune catene di ristorazione stanno cambiando strategia per andare ancora di più incontro ai gusti dei clienti e per creare una maggiore fidelizzazione. Così, dicono investitori e analisti, si crea il vantaggio competitivo.

Marco Caprotti 27/09/2016 | 12:11

Cosa deve avere un ristorante per piacere, oltre che ai clienti anche agli investitori? Gli analisti di Morningstar lo hanno chiesto direttamente agli operatori di mercato e hanno tracciato un identikit che si articola su quattro punti: 1) fornire un  servizio che al di là del prezzo conveniente che includa flessibilità, preparazione del personale e design dei locali; 2) adattarsi ai gusti dei clienti che si stanno orientando verso scelte più salutiste e legate anche alle scelte religiose o etiche (il tutto riuscendo a coniugare convenienza e profitti); 3) strappare i prezzi migliori ai fornitori; 4) fidelizzare la clientela anche con l’utilizzo della tecnologia e di innovative strategie di marketing.

Chi crea vantaggio
“Si tratta di elementi che hanno una forte correlazione con la nostra metodologia per calcolare l’Economic moat di una società (il vantaggio competitivo all’interno del segmento in cui opera, Ndr)”, spiega un report del 23 settembre firmato da R.J. Hottovy. “Molti investitori stanno sottovalutando i cambiamenti che parecchie società del settore stanno attuando per adeguarsi a queste caratteristiche”.

Per identificare i nomi migliori dal punto di vista operativo l’analista ha messo a confronto i migliori player del comparto ristorazione guardando nei tre segmenti che lo formano: casual dining, fast casual e quick service. “I nomi più interessanti nel primo gruppo sono Del Frisco e Cheesecake Factory”, spiega Hottovy. “Nel secondo spiccano Shake Shak e Panera. Nell’ultimo gruppo, che è anche quello più povero dal punto di vista dei gruppi quotati, la parte del leone continua a farla McDonald’s”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Cheesecake Factory Inc24,11 USD1,35
Del Frisco's Restaurant Group Inc  
McDonald's Corp198,86 USD-0,25
Panera Bread Co Class A  
Shake Shack Inc51,17 USD1,23

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies