Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Se il nonno tira il portafoglio

Il numero delle persone anziane potrebbe triplicare entro il 2050 e superare i due miliardi di individui, il che avrà un forte impatto su diversi settori economici. E l’offerta finanziaria non sta a guardare.

Valerio Baselli 28/04/2016 | 09:52
Facebook Twitter LinkedIn

La vecchiaia è la più inattesa tra tutte le cose che possono capitare a un uomo, scriveva Lev Tolstoj. Chi si occupa di gestire portafogli finanziari, invece, sembra pensarci con parecchio anticipo. L’invecchiamento della popolazione è infatti un fenomeno globale che si sta trasformando in una grande fonte di opportunità d’investimento. Gli esperti hanno chiamato questa tendenza Silver economy (economia d’argento), cioè l’insieme di quelle attività dedicate all’invecchiamento delle nostre società.

Un po’ come la Green economy, i cambiamenti demografici impattano moltissimi settori: l’intrattenimento, i trasporti, il cibo, la sicurezza, la salute, la casa, le assicurazioni, le telecomunicazioni, lo sport. Tutti questi mercati si stanno già adattando attraverso lo sviluppo di segmenti appositamente dedicati a una popolazione che invecchia e che quindi presenta bisogni specifici.

“Il fenomeno globale dell’invecchiamento è una reale opportunità, portatrice di crescita economica e occupazione”, ha affermato Vafa Ahmadi, responsabile globale della gestione tematica CPR AM e gestore del comparto CPR Silver Age, durante una conferenza stampa a Parigi. “Negli ultimi 15 anni, le aziende legate a queste tematiche hanno registrato un tasso di crescita del fatturato e dei risultati mediamente superiori al resto dell'economia (tra l’1 e 1,5% più alti) e un minore costo del capitale”.

La carica dei senior
E la tendenza sembra essere appena iniziata. Secondo una ricerca delle Nazioni Unite l’invecchiamento della popolazione è ormai un trend globale inarrestabile, che non colpisce solo le nostre economie avanzate (anche se il podio dei paesi più “vecchi” è composto da Giappone, Germania e Italia ), ma anche le nazioni emergenti, soprattutto la Cina. “Le previsioni dicono che nel 2050 in Cina il 33% della popolazione sarà senior, un numero di persone equivalente alla popolazioni di Europa e Stati Uniti messe assieme”, ha spiegato Ahmadi.

Nel complesso, si prevede che il numero di anziani triplicherà entro il 2050, superando i 2 miliardi di individui. In Europa, i senior detengono il 50% di ricchezza in più rispetto gli altri gruppi di età ed entro il 2060 un terzo della popolazione avrà più di 65 anni.

Questo mutamento demografico si deve principalmente a due fattori: aumento della speranza di vita e nascite inferiori rispetto al tasso di ricambio generazionale. “Il risultato è che le persone non solo vivono di più, ma voglio anche restare in salute più a lungo e godersi la vita, ciascuno secondo le proprie abitudini di consumo e disponibilità economiche”, sottolinea in una nota Franca Perin, responsabile investimenti socialmente responsabili per Generali Investments, casa di gestione che ha lanciato a ottobre 2015 il fondo tematico Generali Investments Sicav SRI Ageing Population. “È  lecito attendersi tassi di crescita più alti per quelle imprese focalizzate sulle necessità particolari della popolazione che invecchia", continua Perin. 

Secondo uno studio condotto da Bank of America Merrill Lynch, la Silver economy vale attualmente sette mila miliardi di dollari, il che la renderebbe la terza più grande economia al mondo, e potrebbe raggiungere 15mila miliardi nel 2020.

Fondi comuni per cavalcare l'economia d'argento
Non sorprende quindi che l'offerta di prodotti finanziari specificamente dedicata a questo tema sia aumentata negli ultimi anni. Oltre ai due fondi già citati, gli investitori italiani possono scegliere diverse opzioni:  il fondo Schroder ISF Global Demographic Opportunities, il Robeco Global Consumer Trends Equities, il Fidelity Global Demographics o ancora il comparto LO Funds - Golden Age.

Detto questo, è importante sottolineare che questi fondi sono molto diversi gli uni dagli altri in termini di portafoglio e, quindi, di rischio e rendimento. Infatti, benché l'industria farmaceutica e della salute siano certamente le più esposte, l'invecchiamento della popolazione impatta in modo diverso una vasta gamma di settori, che va dalla domotica al turismo per i senior.

“La nostra strategia Global Silver Age investe in 622 titoli in otto diversi settori economici, tra i quali si trova anche quello dell’automobile, il che può sembrare strano, ma in realtà il mercato delle auto nuove è spinto dagli over-55. Anche le innovazioni del settore sono spesso in risposta alle esigenze di questa fascia di età”, ha commentato Vafa Ahmadi. “Non abbiamo alcuna preferenza geografica o stile, cerchiamo aziende che hanno almeno il 15% delle attività legate al tema demografico in una prospettiva di crescita”.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.