Il ritorno della cedola

La volatilità dei mercati sta riportando di moda la ricerca delle società che pagano buoni dividendi. Il segmento più interessante in questo momento è quello dell’healthcare. Bisogna fare attenzione alle mosse delle Banche centrali. 

Marco Caprotti 22/03/2016 | 11:41
Facebook Twitter LinkedIn

Per andare a caccia di rendimenti il mirino deve tornare a inquadrare le società che pagano buoni dividendi. La strategia era stata messa da parte con la ripresa dei mercati che aveva fatto tornare un po’ di appetito per il rischio. Poi è arrivata una nuova tempesta sulle Borse, alimentata dai dubbi sulla ripresa mondiale e dalla debolezza del petrolio che potrebbe far traballare anche le banche, così gli investitori hanno dovuto tirare fuori dal cassetto i dossier relativi alle aziende con la cedola più interessante. Il tutto, tra l’altro, in un momento di bassi rendimenti da parte delle obbligazioni.

Occhio alla selezione
La selezione dei titoli, tuttavia, deve essere molto attenta. “Quando si segue questo tipo di strategia bisogna tenere sotto costante controllo l’andamento dei tassi di interesse”, spiega Michael Rawson, analista di Morningstar. “Le azioni che pagano dividendi, storicamente, hanno mostrato di soffrire di più nei momenti in cui le banche centrali iniziano ad alzare il costo del denaro. Quando gli istituti di politica monetaria iniziano con le strette è perché le cose cominciano a marciare per il verso giusto dal punto di vista macroeconomico. Agli investitori torna la voglia di rischiare e mollano le dividend paying stock.  Per chi continua a tenerle, a quel punto c’è il rischio di avere in mano società che staccano bune cedole, ma il cui valore di Borsa impoverisce l’intero portafoglio”.

Healthcare meglio dell’energy
Uno dei segmenti che gli analisti di Morningstar stanno tenendo sott’occhio in questo momento è quello dell’healthcare. “E’ uno di quelli che ha pagato di più per la tempesta che si abbattuta sui mercati fra la fine dell’anno scorso e l’inizio del 2016”, spiega Eric Compton, che, insieme al collega Greggory Warren compila la lista di Morningstar degli Ultimate stock picker. “Ma fatte le analisi sui prezzi e i fair value abbiamo visto che la metà dei titoli che sono entrati nell’ultima versione del nostro elenco provengono da lì. Il vantaggio, rispetto ad altri comparti che offrono caratteristiche simili, come ad esempio l’energy, è che è molto meno volatile e offre una maggiore stabilità al portafoglio”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy