Iran, le promesse di una ex canaglia

L’eliminazione delle sanzioni che hanno bloccato il paese per decenni apre nuove possibilità di investimento a chi è interessato a un paese di frontiera in cui si possono sviluppare industria e turismo. Ma è meglio muoversi con cautela e usare i fondi. 

Marco Caprotti 10/02/2016 | 10:35

L’Iran stende i tappeti davanti al mercato. La rimozione delle sanzioni economiche internazionali nei confronti del paese effettuata a metà gennaio, dicono diversi studi, apre nuove opportunità di business per le aziende estere e gli operatori finanziari internazionali interessati a un paese di frontiera con una classe media in crescita e che può diventare una importante meta turistica. La fase di distensione politica, infatti, permetterà al paese mediorientale (che fino a poco tempo fa veniva considerato uno stato canaglia), oltre che di sfruttare a pieno regime le sue riserve di petrolio, anche di riprendere in mano asset fino ad ora congelati e che, a seconda delle stime, potrebbero andare dai 30 ai 10 miliardi di dollari.  

Le sanzioni erano state decise dalla comunità internazionale (su pressione degli Usa) dopo la Rivoluzione islamica del 1979 che aveva spodestato il regime degli Scià ed erano diventate sempre più rigide mano a mano che il paese andava avanti con il suo programma nucleare. La svolta è arrivata ad aprile dell’anno scorso, quando Teheran ha deciso di venire incontro alle richieste delle Nazioni unite e dell’Agenzia atomica internazionale di smantellare i macchinari per l’arricchimento dell’uranio.

Ma il paese resta un osservato speciale. I termini dell’accordo scattato a inizio anno (chiamato Iran Deal) dicono che, se Teheran non manterrà fede anche a uno solo degli impegni presi, gli Stati Uniti potranno decidere di riavviare le sanzioni e nessun membro del Consiglio di sicurezza dell’Onu, inclusi Russia e Cina (storici alleati del paese arabo), potrà opporsi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies