Usa e Giappone alle prese col fattore Central bank

La possibilità di un rialzo dei tassi americani e l’incapacità della Fed nel comunicare hanno premiato, fra i fondi con rating maggiore, quelli con la gestione più attiva. La BoJ ha regalato soprattutto certezze. 

Marco Caprotti 18/12/2015 | 09:07
Facebook Twitter LinkedIn

Federal Reserve e gestione attiva sono stati i temi dominanti negli investimenti in Usa. Elementi legati a doppio filo l’uno all’altro visto che la possibilità di un rialzo dei tassi di interesse Usa, data per imminente durante tutto il corso del 2015 (soprattutto nella seconda metà dell’anno), ha costretto i gestori a riposizionare i portafogli. Sarà anche per questo che, fra i fondi con i rating Morningstar più alti si sono distinti soprattutto quelli che hanno fatto della scelta attiva la loro caratteristica principale.

TabUsa

Il dilemma Fed
Il susseguirsi di dati macro contrastanti e le difficoltà della Banca centrale Usa nel comunicare le sue intenzioni ai mercati (più volte si è parlato di Circo della Fed riferendosi ai messaggi contradditori che l’istituto lanciava ai mercati), infatti, hanno consigliato agli investitori di non stare troppo fermi ad aspettare gli eventi. A consigliare un maggiore attivismo sul fronte delle scelte di portafoglio è stato anche il fondo monetario internazionale, quando, a cavallo dell’estate ha chiesto alla Fed di pensarci bene prima di decidere sui tassi e di considerare oltre alla situazione interna, anche quella che si è vissuta sui alcuni mercati internazionali. Il progressivo indebolimento della Cina, infatti, ha messo in dubbio la tenuta dell’intera economia mondiale, di cui gli Stati Uniti continuano a restare il traino, ma di cui il può importante degli emergenti è ormai una pedina fondamentale.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies