La Fed punisce i pigri

Il prossimo rialzo dei tassi di interesse Usa e le alte valutazioni dell’azionario costringeranno gli investitori a una gestione più attiva dei portafogli. Ma è meglio non buttare le fonti di Beta. 

Marco Caprotti 03/12/2015 | 12:12
Facebook Twitter LinkedIn

Mentre i mercati aspettano prudentemente il rialzo dei tassi di interesse americani, i fan della gestione attiva si fregano le mani. La decisione della Federal Reserve di alzare il costo del denaro, data ormai per scontata e messa in calendario per metà dicembre, costringerà infatti gli investitori a spostarsi da una strategia incentrata sulla ricerca del Beta (cioè il controllo del rischio sistematico, attribuibile a fattori esogeni di carattere macro e politico) a una che tiene in maggiore considerazione le fonti di Alpha (praticamente un indicatore dell’abilità del gestore nello stock picking e quindi della sua capacità di creare valore aggiunto).

Un cambio di passo necessario, considerando che presto verrà a mancare una delle stampelle che hanno caratterizzato la ripresa della piazza americana negli ultimi sette anni: la politica monetaria particolarmente accomodante che, insieme a valutazioni a sconto, ha fatto correre Wall Street nonostante una ripresa macroeconomica a volte deludente. La scelta della Fed, unita a valutazioni più alte dell’equity (il rapporto prezzo utili dell’azionario globale secondo le analisi di Morningstar è a 0,98, con evidenti sopravvalutazioni nei segmenti più difensivi) avrà ripercussioni, di fatto, su tutti i portafogli che contengono equity Usa e che dovranno essere rivisti alla luce delle mutate condizioni di mercato.

A caccia di rendimento
“Dando per scontato che gli investitori non vorranno sacrificare i loro obiettivi di investimento accettando rendimenti più bassi, il focus si dovrà spostare verso scelte che comportano rischi maggiori”, spiega uno studio firmato da Russ Koesterich e Kurt Reiman, strategist di BlackRock. “In un quadro di utili aziendali in ribasso e di volatilità in crescita gli investitori trarranno beneficio dalla ricerca di maggiore rischio e dalla selezione delle singole azioni utilizzando una strategia attiva per dare una spinta ai loro rendimenti”.

Per fare questo una strada è quella di orientare i portafogli verso determinati settori, specifiche aree geografiche e singole opportunità di investimento. “Un’idea potrebbe essere quella di aumentare l’esposizione verso i mercati sviluppati più a sconto e dove la politica monetaria è ancora espansiva”.

Fra Beta e Alpha
In pratica si tratta di diventare attivi (alpha) per andare a cercare ancora un po’ di Beta. I segmenti più interessanti, secondo i due strategist sono i finanziari (che nel lungo periodo beneficeranno di una inevitabile rialzo dei tassi, dove sono ancora bassi) e i tecnologici (che imporranno alle aziende nuovi investimenti per stare al passo con le evoluzioni dell’IT).

L’altra via è quella di spostarsi decisamente verso asset più rischiosi. “I nostri studi hanno dimostrato che nei periodi di maggiore volatilità i gestori sono in grado di creare buoni rendimenti sfruttando i movimenti delle large cap americane”. Fuori dagli Usa un asset in grado far rendere al meglio i money manager attivi sono i mercati emergenti. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.