I fischi sommergono la Fed

Lo spettacolo che sta dando la Banca centrale Usa sui tassi confonde gli investitori facendogli preferire strategie di breve periodo che li intrappolano nella volatilità. Conviene puntare sull’Economic moat e sulle buone valutazioni. 

Marco Caprotti 22/09/2015 | 16:03

Meglio non assistere alle continue messe in scena della Federal Reserve – con i suoi continui cambi di umore sui tassi e sulla congiuntura – e concentrarsi sull’economia reale. Solo in questo modo, dicono gli operatori, sarà possibile non rimanere incastrati nella trappola della volatilità, che scatta ogni volta che la Banca centrale americana (o qualcuno dei suoi membri) parla, e si potranno prendere decisioni di lungo periodo.  

Un pessimo show
L’ultimo spettacolo di quello che ormai viene chiamato il “Circo della Fed” è di questi giorni. Giovedì 17 settembre la Fed ha deciso di non toccare i tassi, ha detto il Chairman dell’istituto centrale americano, Janet Yellen, a causa delle incertezze che aleggiano intorno alla ripresa globale e a quella cinese in particolare. La dichiarazione ha fatto scattare le vendite sui mercati azionari internazionali. Nel fine-settimana, poi, alcuni governatori della Fed hanno rilasciato commenti considerati da “falco”. Sabato John Williams, capo della Fed di San Francisco, ha spiegato che una stretta “è probabile a fine anno”. Jeffrey Lacker, presidente della Fed di Richmond e l'unico a votare giovedì scorso per un aumento dei tassi, ha motivato la sua scelta sostenendo che “anche con un rialzo di un quarto di punto percentuale, i tassi rimarrebbero eccezionalmente bassi fornendo sostegno alla crescita economica”. Sempre sabato James Bullard, presidente della Fed di St. Louis ma non membro votante del Federal Open Market Committe (Fomc, il braccio operativo della Fed), ha puntato a un possibile aumento del costo del denaro a ottobre. Le loro dichiarazioni, secondo gli investitori, hanno spazzato via tute le paure.

C’è poi il balletto delle cifre, con la Fed che, in poco tempo, cambia le previsioni sull’andamento di alcuni importanti indicatori. Lo spettacolo è andato in scena anche dopo l’ultima riunione del Fomc. Le stime per il Pil 2015 ora sono di un +2,1% contro il +1,9% indicato a giugno. Per il tasso di disoccupazione ora si parla del 5,3% rispetto al 5,3% di tre mesi fa. In termini di inflazione oggi si ragiona sullo 0,4% (prima era 0,7%). “Se la Federal Reserve desse retta ai suoi numeri, allora non dovrebbe alzare i tassi di interesse nel 2015”, spiega Robert Johnson, responsabile dell’analisi economica di Morningstar. “Senza contare che la Banca centrale ha detto che le stime potrebbero essere riviste al ribasso in caso di uno shock esterno”. Anche gli ultimi numeri rilasciati dall’istituto, insomma, vanno presi con le molle.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies