Si avvisano gli utenti che al momento stiamo riscontrando dei problemi nella fase di registrazione ai servizi Premium e che è in corso la manutenzione ordinaria della sezione Portfolio. I due servizi torneranno operativi il prima possibile. Grazie per la pazienza.

Le Borse attendono i dati Usa

Avvio di seduta negativa per l’Europa, dopo la chiusura con il segno meno di Wall Street. Listini asiatici in ordine sparso. Su Tokyo, giù Hong Kong.

Sara Silano 06/11/2015 | 09:50
Facebook Twitter LinkedIn

Le principali Borse europee aprono in ribasso, in attesa dei dati sull’occupazione americana ad ottobre, che saranno diffusi nel pomeriggio. A Milano, il Ftse Mib segna -0,12%, con Telecom Italia sotto i riflettori (-2,5%), dopo l’annuncio della conversione delle azioni di risparmio (queste ultime hanno iniziato la seduta in rialzo del 5,6%, le ordinarie, invece, perdono oltre il 2%). In rosso la moda, mentre i migliori titoli sono Buzzi e Unipol, dopo la trimestrale.

Bene Tokyo
I listini asiatici hanno terminato la seduta in ordine sparso. La Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo dello 0,78% a 19.265,60 punti, picco dallo scorso 21 agosto, con un progresso dello 0,96% nell'intera settimana, spinta dal rafforzamento del dollaro. Bene anche Shanghai (+1,4%), mentre Hong Kong ha perso lo 0,8% e Seul lo 0,4%.

Facebook in corsa
Ieri, Wall Street ha terminato in ribasso per il secondo giorno consecutivo, nonostante la buona trimestrale di Facebook, che ha fatto balzare il titolo quasi del 5%. Oggi il social network è la sesta azienda quotata più grande al mondo per capitalizzazione. Le perdite, comunque, sono state contenute: il Dow Jones ha lasciato sul terreno lo 0,02%, l’S&P500 lo 0,1 e il Nasdaq lo 0,3%.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia