Dalla Cina con stupore

La scelta di Pechino di svalutare lo yuan lascia il mercato a interrogarsi sulle reali intenzioni della Tigre asiatica. La mossa darà una spinta all’export. Ma non solo. 

Marco Caprotti 13/08/2015 | 12:14

La Cina divide il mercato. La decisione della Banca centrale del paese asiatico di far svalutare lo yuan (o renminbi) per tre giorni di seguito nei confronti del dollaro (1,9% la prima volta, 1,6% la seconda e poco più dell’1% la terza) sta creando schieramenti contrapposti sulle motivazioni della scelta e sugli effetti che questa potrà avere. Le conseguenze immediate sono state un terremoto sui mercati equity e il fiorire di dubbi sulla tenuta della crescita della prima economia emergente oltre che della congiuntura globale. “Reazioni esagerate”, taglia corto Robert Johnson, responsabile della ricerca economica di Morningstar. Dal 2005 la Cina non ha fatto altro che rafforzare la sua valuta contro il dollaro. Le svalutazioni di questi giorni, per ora, sono poca cosa rispetto ai livelli a cui erano arrivati".

Cosa vuole la Cina
Sulle motivazioni che hanno spinto la Cina a muoversi le idee sono contrapposte. Le azioni “sono sensate a livello economico e non rappresentano l'inizio di una guerra valutaria o il tentativo di far ripartire la crescita”, spiega uno studio di Standard & Poor’s. Secondo l’agenzia di rating, l'iniziativa di Pechino è più probabilmente legata “a una correzione tecnica” che punta a migliorare il funzionamento del mercato o a uno sforzo per rispettare le condizioni del Fmi per far includere lo yuan il prima possibile nel paniere di valute che costituisce i Diritti speciali di prelievo (Dsr, riserve di asset internazionali il cui valore si basa su un basket di valute chiave). “L’argomentazione che la Cina stia cercando di sostenere la crescita indebolendo la propria valuta e rafforzando l'export non ci sembra convincente”, scrive Paul Gruenwald, capo economista di S&P per l'Asia Pacifico. “Le esportazioni sono più un effetto della domanda estera. Il tasso di cambio che svolge un ruolo secondario. Non esiste alcun motivo per cui questo rapporto sia mutato”.

Resta il fatto che la decisione di Pechino ha già fatto scuola. In seguito alla decisione della PBoC, il Vietnam è intervenuto per mezzo della sua Banca centrale, aumentando del 2% la banda di fluttuazione del Dong vietnamita nel mercato valutario. “Non appena la People Bank of China ha mostrato le armi con le quali vuole sostenere l'economia cinese, export-dipendente, i competitor asiatici ne hanno pagato le conseguenze”, spiega uno studio di Saxo Bank. “Il sospetto, ora, è che tutte le altre autorità monetarie della regione asiatica si adegueranno per difendere le loro valute ed evitare rallentamenti nei mercati interni. Tali impatti, però, potrebbero uscire dai confini asiatici, mettendo in stato di allerta la Bce e la BoJ, che vedrebbero scendere in campo un nuovo concorrente nella guerra valutaria globale”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies