L’oro ha bisogno solo di una lucidata

Le quotazioni del metallo giallo sono ai minimi degli ultimi anni e, dicono gli operatori, resteranno basse ancora per un po’. Ma, aggiungono, ci sono le condizioni per una ripresa dei corsi nel medio e lungo termine di cui potranno approfittare le società minerarie. 

Marco Caprotti 28/07/2015 | 11:40

Non sono solo i cinesi a fare lo sgambetto all’oro. La crisi del metallo giallo, dicono gli operatori, è figlia di diverse situazioni che, nel breve periodo, continueranno a pesare sui corsi. Ma, nel medio e lungo termine, le cose potrebbero andare diversamente.

La debolezza del più famoso dei beni rifugio è iniziata nel 2011, dopo una corsa durata 12 anni. A dare una spallata in più e a riportare la questione sotto i riflettori ci ha pensato nei giorni scorsi la Banca popolare cinese quando, nel suo primo aggiornamento in oltre sei anni, ha reso noto che le proprie riserve auree ammontano a 53,32 milioni di once troy: in aumento del 57% rispetto alla fine del 2009, ma sotto di circa la metà rispetto a quanto stimato dagli osservatori. Questo ha fatto scivolare le valutazioni a 1.073,67 dollari l’oncia, il livello minimo degli ultimi cinque anni.

Ma la colpa di tutta questa situazione non può prendersela solo Pechino. “L’oro si sta confrontando con situazioni avverse di vario tipo: la frenata della domanda privata cinese e indiana, la ridotta richiesta di riserve d'oro da parte delle Banche centrali e la preferenza sempre più marcata dei mercati per asset rischiosi, mentre l'inflazione è lontana dal rendere necessarie misure di controllo”, spiega uno studio preparato dal team Cross Asset Research di Lyxor. “Noi crediamo che il prezzo dell'oro sia molto vulnerabile durante questa fase in cui il mercato è orientato verso gli asset più rischiosi e che sia fortemente esposto alle politiche monetarie di normalizzazione della Fed del prossimo semestre, che porteranno un potenziale apprezzamento del dollaro e un incremento degli yield obbligazionari. Riteniamo, inoltre, che la situazione corrente, che presenta un'inflazione benigna - anche se da rettificare al rialzo - non giustifichi ancora l'uso dell'oro come bene rifugio”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies