Banche alla prova

Morningstar ha messo sotto esame i sistemi finanziari di 22 paesi. Quello americano non è solido come sembra. Chi cerca i primi della classe, deve guardare in Australia, Canada e Svizzera. 

Marco Caprotti 23/06/2015 | 11:55
Facebook Twitter LinkedIn

Australia, Canada e Svizzera: molto buono. Belgio, Cile, Hong Kong, Singapore e Svezia: buono. China, Colombia, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Messico, Paesi Bassi, Spagna, Regno Unito e Usa: discreto. Italia, India, Brasile: scarso. Sono i giudizi a cui arriva l’ultimo Financial Services Observer, uno studio approfondito dei 93 titoli bancari coperti dalla ricerca di Morningstar, che dà una fotografia aggiornata dello stato di salute del settore paese per paese e fornisce un’indicazione su quali potrebbero essere gli sviluppi futuri (per leggere il report sull'Italia clicca qui). 

“Gli investitori vedono le crisi bancarie come il risultato di circostanze straordinarie e imprevedibili”, spiega Stephen Ellis, responsabile della ricerca azionaria nel segmento delle banche e dei servizi finanziari di Morningstar. “Noi abbiamo studiato 150 di questi fenomeni che si sono verificati dal 1800 a oggi in 22 paesi prendendo in considerazione gli elementi legislativi, concorrenziali, politici ed economici”. Dopo l’analisi, a ogni fattore è stato dato un giudizio (Very good, good, fair e poor) che ha contribuito all’assegnazione di un rating finale per ognuna delle country analizzate.

Le sorprese
Il risultato, in alcuni casi è sorprendente. “Gli investitori, per esempio, considerano il sistema bancario Usa come uno di quelli stabili e in salute”, dice Ellis. “Secondo noi, alla luce di un sistema regolamentare frammentato e di un’alta propensione alle crisi, questo non è vero”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Australia and New Zealand Banking Group Ltd28,98 AUD-0,86Rating
Commonwealth Bank of Australia103,69 AUD-2,10Rating
National Australia Bank Ltd26,87 AUD-0,52Rating
Svenska Handelsbanken A95,56 SEK-0,35Rating
Westpac Banking Corp26,88 AUD-0,22Rating

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies